Calabria7

Test antigenici non attendibili, l’Asp di Cosenza sospende screening nelle scuole

test antigenici cosenza

L’Azienda sanitaria di Cosenza ha rallentato l’utilizzo dei kit Biocredit Covid 19 Ag, ma solo quelli sviluppati dall’azienda coreana Rapigen, e sospeso le attività di screening nelle scuole perché sui test pesa il sospetto di inattendibilità del risultato. I kit sono stati forniti dalla struttura commissariale della sanità calabrese.

“Presunte incertezze nella diagnosi”

“La sensibilità – spiega il commissario dell’Asp sarebbe inferiore al 50% secondo studi pubblicati dalle riviste scientifiche ‘Science’ e ‘Journal of Clinical Virology’. Secondo quanto emerso potrebbero essere usati solo su pazienti sintomatici per la conferma della positività. Un virologo della task force del Comune di Reggio Calabria ha sollevato dubbi e l’ente si è rivolto alla università di Catanzaro che avrebbe verificato presunte incertezze nelle diagnosi”.

“Valuteremo caso per caso”

“Diversi, e più affidabili (si parla di 97-98%), invece i test di un’altra azienda coreana, la Seegene. Si tratta – prosegue – di tampone antigenico nasofaringeo, FREND COVID-19 Ag, ed è un test ad immunofluorescenza (FIA) in card monouso, marchiato CE-IVD, per il rilevamento qualitativo della proteina nucleocapsidica (N) del virus Sars-Cov-2. In appena 3 minuti fornisce l’esito. Anche a Cosenza si utilizzano i test antigenici di Catanzaro e Reggio, perché sono gli unici forniti da Arcuri e dalla Protezione civile, considerato il protocollo dell’Iss. Sarebbero in teoria da poter utilizzare solo per attività del Dipartimento e non per quando riguarda quella di screening, specialmente quella scolastica, perché in quest’ultimo caso hanno dimostrato una minore attendibilità”. “L’Asp di Cosenza – conclude La Regina – si riserverà pertanto il loro utilizzo caso per caso”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Fincalabra, confermato sequestro conservativo da 1,5 milioni di euro

manfredi

Va in caserma a sporgere denuncia ma lo arrestano per possesso di marijuana

bruno mirante

Litigano per motivi economici, calabrese uccide il fratello sotto gli occhi della madre

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content