Testimoni giustizia: “Siamo pronti a manifestare davanti al Viminale”

I testimoni di giustizia pronti a manifestare davanti al ministero dell’Interno per denunciare “il disagio e l’abbandono che dura da molti anni”. “Chiediamo al ministro – spiegano – di intervenire nei confronti del sottosegretario Luigi Gaetti affinché agisca per garantire la sicurezza e i diritti dei testimoni di giustizia”.

“Le sue presunte aperture in nostro favore, così come le audizioni, prima a Palermo e poi in Commissione Centrale, si sono dimostrate una farsa, un sotterfugio per gettare fumo negli occhi dei cittadini ed eludere le promesse fatte durante la campagna elettorale. Un tentativo maldestro di galleggiamento mediatico e di ricerca del consenso”, accusano Ignazio Cutrò, Pino Masciari e Luigi Coppola, rispettivamente presidenti e soci fondatori dell’associazione nazionale Testimoni di giustizia, Legalità Organizzata e Movimento per la Lotta alla criminalità organizzata.

“Le sue presunte aperture in nostro favore, così come le audizioni, prima a Palermo e poi in Commissione Centrale, si sono dimostrate una farsa, un sotterfugio per gettare fumo negli occhi dei cittadini ed eludere le promesse fatte durante la campagna elettorale. Un tentativo maldestro di galleggiamento mediatico e di ricerca del consenso”, accusano Ignazio Cutrò, Pino Masciari e Luigi Coppola, rispettivamente presidenti e soci fondatori dell’associazione nazionale Testimoni di giustizia, Legalità Organizzata e Movimento per la Lotta alla criminalità organizzata.

“Gaetti da tempo sta attuando condotte del tutto estranee alle sue funzioni – dicono ancora – attraverso azioni quasi punitive nei confronti di numerosi testimoni, rinunciando a recepire la volontà unanime del legislatore di procedere verso una politica di pieno sostegno ai cittadini onesti che, con coraggio civile, hanno testimoniato nei processi contro le mafie. A oggi non ci sono le condizioni per una piena tutela dei testimoni di giustizia, nemmeno conformemente alla nuova Legge 6/2018, che manca ancora dei decreti ministeriali attuativi tali da garantire il piano di reinserimento sociale di chi ha denunciato e il giusto ristoro dai pregiudizi subiti a seguito delle denunce”. Matteo Salvini e Luigi Di Maio, “ci incontrino con senso di umanità e responsabilità, per aprire un serio tavolo di confronto finalizzato a un dialogo costruttivo”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Attesi diversi avvincendamenti nell'undici titolare giallorosso: Iemmello in dubbio, al suo posto pronto Donnarumma
La nave aveva a bordo migranti che erano stati trasferiti in precedenza dall'isola di Lampedusa
"Bacio planetario" Luna-Saturno tra pochi giorni. Ecco come prepararsi allo show celeste
ul posto sono intervenuti carabinieri, 118 e vigili del fuoco, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare
Intervenuta prontamente sul posto, la polizia stradale ha gestito le operazioni del traffico deviato
Tra i cardini del progetto, quello di consentire agli adulti reclusi negli istituti di pena di conseguire il patentino da allenatore
Il presidente della Regione: "È importante che gli sforzi del governo nazionale si colleghino a quelli regionali"
"Ora sono libero di fare e soprattutto di parlare. Credo che dal punto di vista giudiziario me ne abbiano fatte troppe"
I due uomini, di 46 e 48 anni, erano entrati in acqua e non sono riusciti a tornare a riva. Inutili i soccorsi
Vista la gravità dell’incendio sono state attivate dai Vigili del Fuoco di Vibo due autobotti, due pick-up, un operatore DOS
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved