“Ti taglio la testa e la do ai cani”: dalla Calabria scappa nel Napoletano e fa arrestare il marito aguzzino

L'incubo delle violenze e degli abusi (alla moglie e alla figlia, già all'età di 10 anni) è finito dopo la fuga e la denuncia

A Paola, in provincia di Cosenza, dopo 10 anni di vessazioni e violenze una donna fa arrestare il marito.  “Ti scanno, ti taglio la testa e la do ai cani, e mi bevo il sangue”: questo il tenore delle minacce fatte dall’uomo, arrestato dai carabinieri in Calabria dopo che la moglie è riuscita a vincere la paura e, dopo essere scappata, a denunciare quegli orrori ai carabinieri di Pozzuoli, nel Napoletano. Violenze fisiche, psicologiche e sessuali che la donna ha segnalato il 21 giugno e che sono state confermate ai militari anche da alcuni dei suoi quattro figli – di 23, 15, 8 e 7 anni, tre maschi, due dei quali frutto della relazione con il 50enne, e una femmina – che hanno pure consegnato video e foto dai contenuti inequivocabili.

L’orco in casa

L’orco in casa

 Tutti i componenti della famiglia sono stati lungamente ostaggio del marito e padre aguzzino e sottoposti a vessazioni, anche di carattere sessuale, nel caso della donna e della figlia. Nelle settimane scorse, poi, la fuga in Campania e la decisione di raccontare tutto alle forze dell’ordine. Il film horror restituito dai verbali, oltre agli stupri (la figlia della donna, ora 15enne, già dall’età di dieci anni veniva violentata dal patrigno, che abusava di lei quotidianamente), comprende anche le botte, le bastonate e le sassate per i figli maschi quando questi sbagliavano o non eseguivano pedissequamente gli ordini del padre, come ad esempio badare al gregge, oppure assistere a crudeli uccisioni di animali, in particolare cani, impiccati o ai quali veniva sparato.

Il tentativo di suicidio, la fuga e la denuncia

 Lo stato di prostrazione e le continue minacce hanno portato la moglie sull’orlo della morte: ha voluto anche dirlo al marito che era sua intenzione togliersi la vita ma lui, ridendo, ha cinicamente replicato: “vai a suicidarti da un’altra parte, altrimenti mi rovini il pavimento”. Poi la fuga e la denuncia.

 Il gip di Paola Rosamaria Mesiti ha disposto per l’uomo la custodia cautelare in carcere ritenendolo fondate le accuse formulate dalla procura: maltrattamenti, violenza sessuale aggravata ai danni della figlia adottiva minorenne, violenza sessuale ai danni della moglie, e detenzione illegale di fucile e pistola.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ha trasportato la salma del boss dall’Aquila fino al cimitero di Castelvetrano
Il presidente del Consiglio regionale fa sapere che "nei prossimi giorni verrà presentata la proposta progettuale per l’attivazione del secondo pronto soccorso a Catanzaro"
Terzo il Movimento Cinque Stelle di Giuseppe Conte, che stacca la Lega di 7 punti
Dopo la precettazione l'Usb ha rimandato al 9 ottobre lo sciopero nel trasporto pubblico locale
L'uomo ha tentato di non essere fermato, aggredendo con i militari e cercando di impossessarsi con violenza delle loro pistole. Ma è stato bloccato
La kermesse, che ha catturato l'immaginazione del pubblico per 84 anni, si prepara a vivere un'edizione entusiasmante in una pittoresca cornice calabrese
Lo ha detto Ruven Menikdiwela, direttore dell'ufficio di New York di Unhcr durante una riunione del Consiglio di Sicurezza Onu
La vittima aveva 35 anni e risulta madre di due figli. Da qualche tempo non viveva più insieme al marito
Per i pentastellati il salario minimo legale serve per "dire stop alle paghe da fame e a dare dignità a quei lavoratori che oggi sono assunti con contratti senza un minimo sindacale
Tutti hanno riportato ferite di "varia gravità", secondo fonti della polizia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved