Calabria7

Tiritiello nel finale salva un Cosenza sprecone: contro il Vicenza è 1-1

monopoli-cosenza

Un pari che sa di rivalsa dopo il ko interno (tra mille polemiche) contro la Salernitana, ma con tanti rimpianti. Il Cosenza ferma il Vicenza sull’1-1 e conquista un punto importante per morale e classifica. Dopo un primo tempo double face, la squadra di Occhiuzzi cresce sensibilmente nella ripresa e sfiora più volte il vantaggio. Il più grande pregio dei rossoblù sta, però, nella reazione allo svantaggio culminata con la rete di Tiritiello: un mix di grinta e coraggio che consente di guardare al futuro con rinnovato ottimismo. Il problema da risolvere immediatamente, invece, è la sterilità offensiva a fronte delle numerose palle gol create e non sfruttate a dovere.

Primo tempo

Il Cosenza parte con subito con grande aggressività e al 2′ Sciaudone va alla conclusione non inquadrando però lo specchio. Il Vicenza è schiacciato nella propria metà campo e viene messo in difficoltà da Vera e Carretta, ma dopo il quarto d’ora comincia ad acquisire fiducia. La prima vera chance arriva al 26’, quando una conclusione potente di Dalmonte costringe Falcone al salvataggio in tuffo. 

La reazione rossoblù non tarda ad arrivare: al 32’, Sacko avanza per vie centrali e supera Cappelletti, ma perde il tempo e si fa recuperare dalla difesa biancorossa. Nei minuti finali della prima frazione il match su assesta su ritmi equilibrati e l’unica occasione degna di nota arriva al 44’ con un colpo di testa di Marotta che gira in porta un cross dalla destra non riuscendo però a dare la giusta sforza.

Secondo tempo

Nella ripresa è quasi un monologo rossoblù. Al 47’ la prima ghiotta chance: tiro-cross di Sciaudone che colpisce il palo, il pallone finisce dalle parti di Carretta che non trova però il tempo giusto per il tap-in. Al 54’ Occhiuzzi manda in campo Bahlouli al posto di uno spento Sacko e imprime un ulteriore sprint: al 58’ Carretta penetra in area, ruba il tempo a Cappelletti e supera Perina, ma non può nulla sulla chiusura provvidenziale di Zonta. 

Dopo venti minuti di sofferenza, i padroni di casa si affacciano nella metà campo avversaria. Al 67’ Meggiorini chiama Falcone all’intervento con una conclusione rasoterra. Lo stesso ex Chievo, due minuti più tardi, raccoglie un suggerimento di Giacomelli e insacca in rete con un bel tiro a giro. I Lupi non accusano il colpo e si rifanno sotto con grande concentrazione. 

Il Principe di Cetraro opta per una tripla sostituzione e manda in campo Bittante, Bouah e Bruccini. Dopo due minuti, ecco il tanto agognato pari: sugli sviluppi di un calcio di punizione, Tiritiello anticipa il marcatore e schiaccia di testa freddando Perina. I silani insistono alla ricerca del clamoroso vantaggio, ma devono accontentarsi di un pari. 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il Cosenza compie 105 anni, gli auguri del presidente

manfredi

Riapri Calabria, 11 milioni di euro a 238 strutture turistiche

Mimmo Famularo

Cerca di fuggire all’estero con la figlia neonata, bloccato dai carabinieri nel Cosentino

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content