Tirocinanti ministeriali in Calabria: “Categoria dimenticata dalla classe politica e dal Decreto PNRR”

“Nessuna disposizione per questi lavoratori che prestano servizio con un contratto di 18 ore e per 18 mesi nei comparti Giustizia, Mim, Mic”
tirocinanti pa

Gli ex tirocinanti dei comparti Giustizia, Mim e Mic affermano che questa categoria di lavoratori precari è stata dimenticata dall’attuale classe politica e anche dalla rappresentanza sindacale nel predisposto Decreto PNRR.

“Di recente è stato predisposto il Decreto PNRR che sarà varato in Consiglio dei Ministri e al cui interno sono contenute disposizioni urgenti in materia di termini normativi. Molte categorie di precari di varie appartenenze sono state menzionate all’interno del testo, prevedendo nei loro confronti l’opzione di proroga del servizio che stanno attualmente svolgendo. Ma al suo interno, incredibilmente non c’è alcuna menzione ai cosiddetti ex tirocinanti ministeriali, che attualmente prestano servizio con un contratto di 18 ore e per 18 mesi nei comparti Giustizia, Mim, Mic, prevalentemente nel territorio calabrese.” Così in nota la categoria.

“Di recente è stato predisposto il Decreto PNRR che sarà varato in Consiglio dei Ministri e al cui interno sono contenute disposizioni urgenti in materia di termini normativi. Molte categorie di precari di varie appartenenze sono state menzionate all’interno del testo, prevedendo nei loro confronti l’opzione di proroga del servizio che stanno attualmente svolgendo. Ma al suo interno, incredibilmente non c’è alcuna menzione ai cosiddetti ex tirocinanti ministeriali, che attualmente prestano servizio con un contratto di 18 ore e per 18 mesi nei comparti Giustizia, Mim, Mic, prevalentemente nel territorio calabrese.” Così in nota la categoria.

“In quanto personale specializzato – proseguono – attualmente questi lavoratori offrono servizi di primaria necessità per l’utenza stessa e colmando, in parte, quel trend negativo dovuto a quella evidente carenza di personale a causa dei più recenti pensionamenti nei comparti sopra citati. Com’è possibile che per questa categoria di lavoratori, quali sono gli ex tirocinanti ministeriali. al momento non c’è nulla oltre i 18 mesi di servizio? Pura dimenticanza, questione di tempistica o invece necessità di privilegiare altre categorie di lavoratori menzionate nel più recente Decreto PNRR?”

“A repentaglio l’incolumità di padri e madri di famiglia”

“La risposta a questo quesito non è data sapere ma quello che è certo è che purtroppo si sta mettendo a serio repentaglio l’incolumità lavorativa di padri e madri di famiglia calabresi e non, che per anni hanno vissuto sulla propria pelle lo spauracchio della miseria e della precarietà, ma prestando sempre e comunque con impegno e dedizione il proprio lavoro, prima di Ex tirocinanti ministeriali nei comparti Giustizia, Mim, Mic e in seguito di lavoratori veri e propri”, affermano.

“Cosa avrà da dire l’attuale classe politica calabrese e non al riguardo e anche le principali sigle sindacali? E’ bene ricordare che i tempi purtroppo stringono e qualsiasi provvedimento verso questa categoria di lavoratori sarebbe più opportuno che sia varato in tempi alquanto celeri per evitare che oltre al danno si riversi la beffa per questi padri e madri di famiglia calabresi e non di ritrovarsi ‘malauguratamente’ dopo gli attuali 18 mesi di servizio sulla strada”, concludono.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved