Presunto uomo di fiducia della cosca Bellocco torna libero: revocata custodia cautelare in carcere

Secondo l'accusa, avrebbe assicurato una rete di protezione e comunicazione tra i vertici del clan per il quale si sarebbe reso parte attiva nella realizzazione del programma criminoso
grande aracri

Il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Pietro Di Giacco, il 42enne di San Ferdinando, arrestato lo scorso 12 febbraio dai carabinieri nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Reggio Calabria contro la cosca Bellocco di Rosarno.
Secondo l’accusa, Di Giacco avrebbe assicurato una rete di protezione e di comunicazione tra i vertici del clan per il quale si sarebbe reso parte attiva nella realizzazione del programma criminoso.
L’uomo sarebbe stato la voce sul territorio del boss Domenico Bellocco mentre quest’ultimo era latitante.
Nel corso della attività di intercettazione, Di Giacco avrebbe affermato di aver svolto questa attività anche in passato in favore di altri soggetti latitanti.
Da qui la conclusione degli inquirenti di ritenere che vi fosse un rapporto stabile con esponenti della cosca. Un rapporto tale che, secondo il gip, Di Giacco sarebbe stato stabilmente inserito nella famiglia mafiosa.

Le motivazioni

La tesi è stata contestata, nell’udienza davanti al Tribunale del riesame, dagli avvocati Francesco Calabrese e Pasquale Galati, difensori di Di Giacco, i quali hanno evidenziato come, seppure gli elementi consentissero di ritenere sussistente un rapporto di contiguità dell’indagato con ambienti delinquenziali, ciò non fosse sufficiente ad integrare il rapporto di inserimento nella cosca che, stando a una recente sentenza delle Sezioni unite della Cassazione, deve essere ritenuta quale “compenetrazione organica”, dunque qualcosa di molto più che un mero rapporto di disponibilità. Compenetrazione organica che non ci sarebbe stata secondo i difensori per i quali, piuttosto poteva raffigurarsi “un rapporto esterno assolutamente sporadico – si legge in una nota – che non assume alcuna conducenza nella prospettiva di costituire una ipotesi di reato”.
Accogliendo il ricorso dei legali, in attesa delle motivazioni della sentenza, i giudici del Riesame hanno revocato l’arresto e rimesso in libertà Di Giacco. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
L'appello a Occhiuto da parte dei cardiopatici. L’equipe medica dello Jazzolino va messa nelle condizioni di poter effettuare anche interventi di rivascolarizzazione
Epicento a quattro chilomentri a Sud di Cittanova. La scossa è stata avverita distintamente dalla popolazione
"Nessun ordine di allontanamento è giustificabile per l'unica imbarcazione che ha adempiuto al dovere assoluto di soccorso in mare"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved