Traffico di droga e armi da guerra, 20 arresti e perquisizioni in Liguria e Calabria

L'attività è frutto della cooperazione giudiziaria e di polizia con Eurojust ed Europol
droga e armi calabria

I carabinieri del Ros di Genova stanno eseguendo una misura nei confronti di 20 persone per detenzione e traffico internazionale di droga e di armi, anche da guerra. In corso perquisizioni e sequestri tra la Liguria e la Calabria. L’attività, coordinata dal sostituto procuratore Marco Zocco della Dda, è frutto della cooperazione giudiziaria e di polizia con Eurojust ed Europol. L’indagine è collegata all’operazione del 2015 che aveva coinvolto Giuseppe Bellocco, figlio del boss Gregorio Bellocco dell’omonima ‘ndrina di Rosarno. Oltre a lui erano stati arrestati Gabriele Puleo e Igor Cerasa per l’importazione di 150 chili di cocaina dal Sudamerica. Gli investigatori hanno scoperto che il gruppo aveva organizzato due importazioni di droga che dalla Calabria erano destinate alla Liguria. Gli arrestati avevano la disponibilità di armi comuni ma anche mitragliatrici da guerra.

Sei degli indagati arrestati sono accusati di essere componenti di una associazione per delinquere, operativa dal 2014 a Genova, nonché a Panama; Colombia e Venezuela finalizzata alla importazione dall’America Latina di ingenti quantitativi di cocaina, che veniva caricata su navi dirette al porto di Genova, e, una volta recuperata, grazie all’illecita collaborazione di lavoratori operanti negli scali portuali cittadini, rivenduta a terzi, oppure, al recupero di carichi di droga destinati ad altre organizzazioni criminali, grazie alla possibilità dell’associazione di assicurare anche tali servizi, in tal caso facendosi ricompensare con una percentuale (in denaro o in cocaina), variabile, ma aggirantesi attorno al 20% del prodotto importato o con una somma equivalente, come corrispettivo per il recupero del carico presso il porto.

Traffico di droga gestito dal carcere

L’organizzazione smantellata dai carabinieri del Ros e dalla Dda di Genova e dedita al traffico di stupefacenti era diretta da Gabriele Puleo, un immobiliarista genovese da anni trapiantato in Colombia arrestato nel 2016, che gestiva il traffico di droga dal carcere di Marassi grazie ad alcuni criptotelefonini. Da Marassi Puleo è riuscito a organizzare nuovi carichi di cocaina dalla Colombia e dalla Repubblica Dominicana destinati all’Italia, tramite il porto di Genova e gli aeroporti di Parigi e di Amsterdam. Agli indagati vengono contestati nove episodi di importazione di cocaina. Per due di questi viene contestata l’aggravante dell’associazione mafiosa, per avere agevolato agevolato la cosca dei Bellocco.

Le armi da guerra

All’organizzazione è stata contestata la detenzione di due Smith & Wesson 357 magnum e 38 special, una bomba a mano M75, una pistol machine Zastava Tokarev, due fucili d’assalto Zastava, riproduzioni del Kalašnikov, semiautomatiche e revolver. Per quanto riguarda l’importazione dall’America Latina di cocaina, caricata su navi dirette al porto di Genova, gli investigatori hanno scoperto che veniva recuperata grazie alla collaborazione di lavoratori operanti negli scali portuali cittadini. L’organizzazione, per il recupero, si faceva ricompensare con una percentuale in denaro o in cocaina variabile, circa il 20% del prodotto importato.

Telefoni criptati ma anche pizzini con codici cifrati. Erano questi gli “strumenti” grazie ai quali Gabriele Puleo organizzava il traffico di droga dal carcere di Marassi. Traffico poi interrotto a fine 2021 dopo il suo trasferimento nella casa circondariale di Alessandria. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, che hanno arrestato 22 persone, Puleo aveva ricevuto dal suo ingresso in cella nel 2015 sei telefonini di cui 4 criptati. Con questi comunicava col suo braccio destro Marco Cuomo, mentre col padre Vincenzo Puleo (che faceva il tesoriere dell’organizzazione) comunicava anche tramite fogliettini passati durante i colloqui. I telefonini servivano anche a fare le videochiamate alla mamma e alla nonna, oltre che ad organizzare i traffici.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved