Calabria7

Tragedia Mottarone: gip scarcera indagati e viene sostituito, Camere Penali protestano

La Camera Penale di Crotone aderisce all’astensione dalle udienze penali indetta dalla Giunta dell’Unione
delle Camere Penali Italiane per le giornate del 24 e 25 giugno 2021. Le ragioni dell’astensione sono da ricondurre ai gravissimi fatti accaduti presso il Tribunale di Verbania. “E’ noto che alcuni indagati, già sottoposti ad arresto in seguito alla tragedia della funivia del Mottarone, – ricorda Aldo Truncè presidente della Camera Penale di Crotone – sono stati scarcerati dal gip di Verbania in seguito all’interrogatorio di garanzia. Il presidente del Tribunale di Verbania ha sostituito il gip immediatamente dopo l’avvenuta scarcerazione di alcuni degli indagati. Si tratta di un gesto gravissimo, che non trova alcuna giustificazione in nessuna delle implausibili argomentazioni burocratiche addotte a sostegno di un provvedimento che ha natura giustizialista e punitiva nei confronti di un giudice che ha semplicemente rivisto il proprio provvedimento coercitivo, alla luce degli elementi difensivi addotti dagli indagati nella prima occasione in cui costoro hanno potuto difendersi, in sede di interrogatorio di garanzia”.

Il video della tragedia

“Il messaggio lanciato con questa abominevole surrogazione del giudice è chiaro: laddove il caso assurga all’attenzione mediatica, bisogna stringere le maglie delle garanzie difensive, per accontentare il volgo assetato di condanne irrogate in forma anticipata a mezzo piattaforme social e programmi tv. La reazione dell’avvocatura tutta – dichiara Truncè – non poteva che essere unitaria e centralizzata. Tutte le Camere Penali italiani hanno aderito all’astensione. Vorrei poi porre l’accento su un altro fatto, altrettanto grave: dopo che la Giunta dell’U.c.p.i. aveva già deliberato l’astensione in segno di protesta alla grave decisione della sostituzione del gip di Verbania, è andato in onda sulla tv nazionale il filmato che ha immortalato gli ultimi istanti antecedenti alla sciagura della funivia del Mottarone, spettacolarizzando una tragedia che nessuno avrebbe voluto vedere. Il filmato è stato riprodotto su innumerevoli canali tv e testate on line. Quella stessa sera è intervenuto il Procuratore di Verbania con un comunicato stampa, stigmatizzando la diffusione del filmato e riconducendo la paternità del gesto all’avvocatura, in particolare agli avvocati difensori degli indagati, che erano gli unici a poter detenere il filmato, sequestrato e secretato a fini investigativi, ma osteso ai difensori per consentire loro di apprestare una difesa in sede di riesame”.

Gravi accuse all’avvocatura

“Bene, si tratta di un’accusa gravissima, – dichiara il presidente della Camera Penale di Crotone – uno strale lanciato all’avvocatura tutta, proprio da chi rappresenta lo Stato. Esecrabile che il procuratore di Verbania non abbia effettuato un’indagine interna in seno alla Procura e alla polizia giudiziaria per verificare se il filmato sia entrato nel possesso della stampa proprio da questo canale, come accade, salvo rarissime eccezioni, nella prassi, visto che è il segreto di Pulcinella che gli informatori degli organi di stampa siano proprio le Procure della Repubblica, spesso alla ricerca di una cassa di risonanza delle indagini da loro condotte. Non è tollerabile che l’avvocatura sia additata quale autrice di un gesto che solleva tanto sdegno, con una “lezioncina” del Procuratore, che rappresenta la Repubblica prima che l’organo d’accusa. Non escludiamo di intraprendere azioni concrete, all’esito del dibattito che coinvolge tutte le Camere Penali territoriali, perché è ora di porre fine a questa barbarie”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ruba legna in terreno comunale, un arresto nel Catanzarese

manfredi

Beccato con marijuana in casa, un arresto nel Vibonese

Andrea Marino

Caccia: bracconieri denunciati nel Catanzarese, armi sequestrate

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content