Tributo di Cosenza al suo “fuoriclasse”: il sigillo della città a Gennaro Tutino

La cerimonia di consegna dell'importante benemerenza, da parte del Sindaco Franz Caruso, venerdì 24 maggio a Palazzo dei Bruzi

Il Sindaco Franz Caruso consegnerà al centravanti del Cosenza Calcio, Gennaro Tutino, il sigillo della città di Cosenza. La cerimonia di consegna è prevista per venerdì prossimo 24 maggio, alle ore 10,30, nel corso di una cerimonia in programma nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi. Il Sigillo d’oro della città di Cosenza è la benemerenza civica che si attribuisce a personalità di spicco, distintesi in campo civile, militare, sociale, sportivo, scientifico e culturale.

Nel caso del bomber rossoblù Gennaro Tutino, la motivazione che ha indotto il Sindaco Franz Caruso a conferirgli il Sigillo della città risiede nel fatto che l’attaccante del Cosenza si è “distinto come esempio di eccellenza sportiva e di virtù civiche, per la sua dedizione al Calcio e per il suo spirito di squadra che ha ispirato molti giovani atleti e ha portato orgoglio a tutti i cosentini. La sua tenacia – prosegue la motivazione – riflette la resilienza e la forza di carattere che Cosenza riconosce ai suoi cittadini più illustri, rendendolo degno di ricevere questo onore”.

Nel caso del bomber rossoblù Gennaro Tutino, la motivazione che ha indotto il Sindaco Franz Caruso a conferirgli il Sigillo della città risiede nel fatto che l’attaccante del Cosenza si è “distinto come esempio di eccellenza sportiva e di virtù civiche, per la sua dedizione al Calcio e per il suo spirito di squadra che ha ispirato molti giovani atleti e ha portato orgoglio a tutti i cosentini. La sua tenacia – prosegue la motivazione – riflette la resilienza e la forza di carattere che Cosenza riconosce ai suoi cittadini più illustri, rendendolo degno di ricevere questo onore”.

“Il conferimento del Sigillo cittadino – ha sottolineato in una dichiarazione Franz Caruso – è un simbolo valoriale che mira a riconoscere pienamente la capacità di un percorso personale, come quello di Tutino, che distintosi già qualche anno fa nelle file della squadra rossoblù, vi ha fatto ritorno, dopo alcune stagioni nella massima serie, divenendo presto il simbolo di un’intera tifoseria che lo ha apprezzato, insieme a tutta la città, per le imprese agonistiche che hanno consentito al Cosenza calcio di raggiungere, con due turni di anticipo, la meritata salvezza. Come ho già avuto modo di rimarcare – ha aggiunto Franz Caruso – Gennaro Tutino, con l’attaccamento alla maglia, ai colori rossoblù e alla stessa città di Cosenza, è entrato nel cuore di tutti, grazie anche ai 20 goal realizzati nel campionato che la compagine rossoblù ha appena concluso. Sono stati questi elementi e questi valori che ci hanno spinto a valutare la decisione di conferirgli il sigillo della città. Sarà una bella pagina per la nostra città che sarà sicuramente apprezzata da chi, oltre al calciatore, ammira anche le doti umane di Gennaro Tutino”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved