Tropea, arrestato il presunto autore dell’incendio al ristorante “Little Italy”: è di Vibo Marina (VIDEO)

L’uomo è attualmente agli arresti domiciliari in attesa di comparire davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia

All’alba di oggi i Carabinieri della Stazione di Tropea hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un uomo originario di Vibo Marina, già noto alle forze dell’ordine. L’interessato è ritenuto il presunto autore dell’incendio che lo scorso 15 gennaio ha devastato il ristorante “Little Italy” di Tropea. L’ordinanza, emessa dal gip del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della Procura della Repubblica, guidata dal Procuratore Camillo Falvo, è frutto di un’indagine accurata condotta dal pm titolare del procedimento che ha coordinato i certosini accertamenti svolti dai militari, già subito dopo il fatto.

Incastrato dalle telecamere di videosorveglianza

Incastrato dalle telecamere di videosorveglianza

Dalla visione di numerosi sistemi di videosorveglianza, pubblici e privati, i Carabinieri hanno raccolto fonti di prova sufficienti a individuare il presunto autore dell’incendio, commesso in concorso con un complice in fase di identificazione. Nello specifico il soggetto si è avvicinato a bordo di un monopattino al gazebo del ristorante, cospargendo di liquido infiammabile il pavimento e quindi appiccando il fuoco che provocava un incendio di notevole potenzialità lesiva, con esplosione di una bombola.

Movente? La concorrenza

Il movente dell’atto intimidatorio e del grave danneggiamento è verosimilmente riconducibile a presunte rivalità commerciali: il “Little Italy” era percepito come un concorrente diretto del ristorante della sorella dell’indagato, situato nelle vicinanze. Durante il sopralluogo, gli artificieri dell’Arma hanno rilevato che l’incendio ha causato l’esplosione della bombola di gas, provocando lo scoppio delle finestre degli appartamenti circostanti, seminando panico tra i residenti. L’uomo è attualmente agli arresti domiciliari in attesa di comparire davanti al gip per rendere l’interrogatorio di garanzia.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved