l'inviato

Tropea e lo stadio del Sole che non splende: due milioni di euro sprecati e lavori mai completati (VIDEO)

L’impianto sportivo, iniziato nel 2000, non è stato mai ultimato. Tribune, spogliatoi e rettangolo di gioco sprofondati nel degrado

Doveva chiamarsi lo stadio del Sole. Ad oggi però di splendente non ha niente nonostante siano stati sprecati 2 milioni di euro per realizzare tribune, spogliatoi e rettangolo di gioco che dal 2003 languono nel più totale degrado. I lavori sono stati avviati nel 2000. Dovevano essere completati nel giro di 2 anni. Così non è stato per una serie di intoppi burocratici che le amministrazioni che si sono succedute alla guida del Comune di Tropea non sono mai riusciti a risolvere.

Una grande incompiuta

In ordine di tempo solo l’amministrazione, guidata dal sindaco Nino Macrì, è riuscita ad intercettare circa un milione e 200mila euro per completare l’opera che resta una grande incompiuta. Se non si interviene con una certa urgenza le tribune e gli spogliatoi rischiano di cadere a pezzi. La governance comunale spera di mettere mano al recupero delle strutture che “troneggiano” tra erbacce e rifiuti in località Campo. Molti cittadini si dicono amareggiati per il mancato completamento di un’opera vitale per una città turistica come Tropea che è candidata a diventare punto di riferimento del turismo balneare mondiale.

Lo stadio come centro di aggregazione sociale

Attualmente la giunta Macrì è a mezzo servizio non per incapacità ma perché il Comune è sotto il vigile controllo della commissione prefettizia inviata dal prefetto Grieco. Negli ultimi mesi il primo cittadino e i suoi assessori hanno dovuto tenere testa ad una serie di polemiche esplose dopo i fatti del locale cimitero balzato agli onori della cronaca per l’estumulazione abusiva di diversi cadaveri. I cittadini, aldilà delle polemiche, vogliono il completamento dello stadio che è destinato a diventare un centro di aggregazione sociale per i giovani. Il primo cittadino freme di intervenire per consegnare a Tropea una struttura polivalente e dall’alto valore sociale.

LEGGI ANCHE | Il “palazzaccio” confiscato alla ‘ndrangheta a Tropea, un tesoro lasciato nel degrado (VIDEO)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
Romano Bucci: "Si è trattato di uno scontro di gioco su un cross, uno dei due ragazzi intervenuti ha avuto la peggio con un trauma cranico"
Tra le Regioni con performance ‘intermedie’ nella spesa sviluppo software figura anche la Calabria
l'inviato
Sotto osservazione l’impianto consortile di Acquaro, Arena e Dasà da cinque anni fermo e quello di Pizzo che vomita in mare di tutto
Segnalata diverse criticità nel Catanzarese. I vigili del fuoco impegnati senza sosta anche in provincia di Cosenza
Nei nosocomi San Giovanni di Dio e Mesoraca i reparti allocati al settimo e al secondo piano. Con guasti frequenti agli ascensori
Dietro il giovane si vedono una persona ferita gravemente a terra e i soccorritori che cercano di aiutarla
E' l'iniziativa dell'organizzazione di volontariato "Basta vittime sulla Strada statale 106"
In questa struttura convergono diverse Unità operative: dalla chirurgia alla oncologia, dalla alla radioterapia alla radiologia
Molte le persone che hanno approfittato del caldo per riversarsi in spiaggia e fare il bagno in un mare dalla temperatura gradevole
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved