Calabria7

Troppo Teramo per questo Rende: al “Bonolis” finisce 3-0

di Antonio Battaglia – Il Rende non c’è più. Per fare risultato a Teramo sarebbe servita un’autentica impresa, vero, ma oggi la squadra di Rigoli ha scoperto tutti i suoi limiti.

Limiti in fase di costruzione, piuttosto che in fase difensiva o nell’assetto mentale dei ragazzi. La retrocessione sembra solo la conseguenza naturale di una stagione cominciata male e in procinto di finire molto peggio. E non c’è allenatore che tenga.

Andiamo alla cronaca. Inizio gara a ritmi bassi. Le due squadre si studiano e concentrano la mole di gioco a centrocampo, lasciando poco spazio all’iniziativa offensiva. Intorno al quarto d’ora, però, la squadra di casa comincia a scardinare il meccanismo difensivo biancorosso e sfiora il vantaggio con Ilari.

Un solo minuto dopo, ecco la svolta del match: sugli sviluppi di un corner, Cancellotti insacca in semirovesciata e porta avanti i suoi. Il Teramo ha padronanza di gioco e sfrutta il predominio territoriale per imbastire occasioni pericolose.

Intorno alla mezzora, gli ospiti acquistano fiducia e alzano progressivamente il baricentro. Al 31’ Nossa spara alto da pochi metri, ma l’arbitro ravvisa una posizione di fuorigioco, mentre otto minuti dopo Collocolo raccoglie un cross dalla destra di Godano e spedisce il pallone sulla traversa.

Nella ripresa, il Teramo dà vita ad un vero e proprio monologo, scardinando veementemente il debole catenaccio calabrese. Al 47’, Ilari arriva a tu per tu con Savelloni ma gli tira addosso, sprecando una clamorosa occasione da gol. Gli abruzzesi continuano a macinare gioco e al 58’ aumentano meritatamente le distanze: Ilari smarca in area Magnaghi, che con un tocco preciso supera Savelloni.

Il Rende è completamente incapace di reagire e conferma, come se ce ne fosse bisogno, tutti i suoi limiti in fase di costruzione. Al 63’, altra mazzata: Magnaghi raccoglie un assist di Santoro, si libera di un avversario e gonfia la rete. Da questo momento in poi, il match non regala più emozioni: il Teramo amministra tranquillamente il gioco, a fronte di un Rende sull’orlo della disperazione.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Corap, Guccione: vicenda dai contorni poco chiari

manfredi

J. Stabia-Catanzaro 0-0: le pagelle e la sintesi filmata

nico de luca

“Civita…nova- vivere il centro storico”, sindaco Castrovillari soddisfatto

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content