Calabria7

Troupe Rai intimidita durante un servizio sull’operazione Jonny, condannati due crotonesi

Avevano aggredito una troupe che stava documentando la situazione del Cara Sant’Anna dopo l’operazione Jonny. Il 42enne Pasquale Pittella e il 40enne Albino Rizzo, entrambi di Isola Capo Rizzuto sono stati condannati dal collegio giudicante del Tribunale di Crotone presieduto da Massimo Forciniti a due anni e quattro mesi di detenzione. L’accusa è di violenza privata con l’aggravante di aver agito in un luogo pubblico nei confronti di Angela Caponnetto cronista di Rainews24 e degli operatori Giuseppe Tambaro e Rossella Genovese. Esclusa l’aggravante mafiosa invocata dall’accusa, i giudici hanno però inflitto agli imputati una pena più alta di quella chiesta dal pubblico ministero della Dda di Catanzaro Pasquale Mandolfini che chiedeva una condanna a un anno e mezzo. Le tre vittime erano state intimidite il 16 maggio 2017 mentre stavano facendo delle riprese davanti la chiesa dell’Assunta cui ex parroco don Edoardo Scordio (condannato a 14 anni anni di reclusione) era stato indagato nell’inchiesta che portò a svelare i legami tra il clan Arena e il business del centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto. Pittella e Rizzo avrebbero invitato la giornalista e gli operatori ad allontanarsi con tono minaccioso per poi inseguirli in auto e mettersi di traverso per impedirne la fuga retromarcia da una strada senza uscita. Gli imputati dovranno versare ad Angela Caponnetto e alla Federazione Nazionale della Stampa 2.000 euro a titolo di risarcimento.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vaccino anti-Covid, in Calabria prosegue la campagna per gli over60: poche rinunce al mix

Damiana Riverso

Salvini, dalla Calabria a Milano in treno promettendo: “Appena governerò, avrete ferrovie degne”

Danilo Colacino

Auto contro guard rail nel Catanzarese, donna in ospedale con elisoccorso

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content