Trovato in possesso di eroina e hashish per lo spaccio, arrestato un 42enne nel Cosentino

Le consistenti quantità di sostanze stupefacenti sequestrate ne hanno indiziato la destinazione finale alla futura vendita
droga calabria sicilia

Nella mattinata di oggi, personale della Polizia di Stato, nell’ambito delle direttive emanate dalla Questura di Cosenza, per il contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e in esecuzione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal Gip di Castrovillari, ha tratto in arresto un uomo, di anni 42, domiciliato in Castrovillari, con a carico diversi precedenti penali. Il provvedimento è l’epilogo di una intensa attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, ed avviata dalla Squadra di Polizia Giudiziaria, a seguito di diversi segnalati episodi di spaccio nel centro cittadino.

In particolare, sin dal mese di gennaio del corrente anno, veniva avviata una proficua attività di indagine finalizzata al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in città e nel suo Hinterland. I poliziotti, coordinati dalla locale Procura, hanno verificato, a livello di gravità indiziaria ed in attesa dei successivi sviluppi delle indagini in corso e degli elementi di valutazione a favore dell’indagato, la sussistenza di una condotta, nel periodo monitorato, di una verosimile detenzione di sostanze stupefacenti del tipo eroina in pietra e hashish, le cui consistenti quantità sequestrate ne hanno indiziato la destinazione finale alla futura vendita.

Grande quantità di droga

Una grande quantità di sostanza stupefacente è stata rinvenuta occultata nei pressi dell’abitazione dell’indagato, il quale, approfittando della fitta vegetazione e dei luoghi quasi inaccessibili, circostanti la propria abitazione, avrebbe, secondo l’ipotesi di accusa da sottoporre a successiva verifica, cercato di eludere eventuali controlli di polizia con addebito diretto di responsabilità, evitando di custodire la sostanza nella propria abitazione. Circostanza non sfuggita agli investigatori che, in più riprese, hanno rinvenuto e sequestrato sostanza stupefacente del tipo eroina in pietra, per un peso complessivo di 174,40 grammi e n. 4 panetti hashish, per un peso complessivo di grammi 386,74, sostanza sottratta al mercato illecito locale che avrebbe fruttato circa 25/30 mila euro.

La probabile attività dell’indagato, già pregiudicato per reati specifici in materia di stupefacenti, si sarebbe realizzata, tra l’altro, nel periodo in cui il medesimo risultava sottoposto alla misura della libertà vigilata e alla misura della sorveglianza speciale. I positivi riscontri acquisiti dai poliziotti, pertanto, hanno determinato la Procura di Castrovillari a richiedere la misura cautelare nei confronti dell’uomo, richiesta che veniva accolta dal locale Tribunale. A seguito di ciò, il personale operante ha rintracciato l’uomo presso la propria abitazione che, al termine degli adempimenti di rito, è stato associato alla locale casa circondariale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved