Trucidati dai nazifascisti nel Verbano: il Dna per dare un nome a 33 partigiani ignoti

Non sono mai state identificate le persone uccise nelle stragi di Fondotoce, Pogallo e Baveno del giugno 1944

Dare un nome ai resti non ancora identificati dei partigiani trucidati dai nazifascisti nel Verbano. Con questo obiettivo, e non casualmente nella giornata del prossimo 25 aprile, alla Casa della Resistenza di Fondotoce gli esperti del Labanof (Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense dell’Università degli Studi di Milano) raccoglieranno dati, informazioni, fotografie, campioni di DNA dei parenti di partigiani dispersi tra Ossola e Verbano, che potrebbero essere tra i 33 uccisi nelle stragi di Fondotoce, Pogallo e Baveno del giugno 1944, e la cui identità è rimasta ignota.

“Dare un nome ai caduti”

“Dare un nome ai caduti”

“Dare un nome ai caduti è un dovere morale, prima che scientifico – spiegano dall’associazione Casa della Resistenza -. L’articolo 6 del Codice civile e le Convenzioni di Ginevra sui diritti umani sanciscono che il diritto al nome deve essere garantito a tutti, anche ai defunti, come segno distintivo dell’individualità di una persona”. A ottant’anni dalle stragi nazifasciste del 1944, il Labanof e la Casa della Resistenza tenteranno di garantire questo diritto ricostruendo una delle pagine più tragiche della Resistenza partigiana. Nel corso del 2023 i tecnici del laboratorio hanno analizzato i resti dei 33 partigiani ignoti per ricostruire il loro profilo biologico. Ora l’auspicio è che, con la collaborazione dei parenti dei partigiani dispersi e attraverso l’esame del Dna o riscontri fotografici, si possa restituire un nome agli ignoti sepolti nel sacrario di Fondotoce. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved