Truffa un’anziana nel Catanzarese e le ruba 13mila euro, 24enne arrestato mentre scappa con il bottino 

La donna era stata raggirata con la truffa del finto incidente causato dal figlio
truffa anziana cortale

Il telefono di casa e il cellulare occupati per ore, un figlio lontano e preoccupato che non riesce a contattare la madre, quest’ultima che nel frattempo sta vivendo un piccolo dramma. “Signora sono un avvocato dell’assicurazione, suo figlio ha causato un grave incidente, è necessario molto denaro per pagare dei verbali, servono 13.000 euro, altrimenti sarà arrestato”. Questa la frase che si è sentita dire al telefono un’anziana signora di Cortale, nel Catanzarese.

All’apprendere quella notizia, presa dal panico, proprio quello l’effetto voluto dallo sconosciuto interlocutore, la signora apprendeva dall’interlocutore che di lì a poco sarebbe passato da casa un suo collaboratore a ritirare il denaro. La donna visibilmente scossa e frastornata consegnava quanto presente in casa, risparmi di una vita, del valore complessivo di 13.000 euro, all’ignoto presentatosi e datosi poi a repentina fuga.

All’apprendere quella notizia, presa dal panico, proprio quello l’effetto voluto dallo sconosciuto interlocutore, la signora apprendeva dall’interlocutore che di lì a poco sarebbe passato da casa un suo collaboratore a ritirare il denaro. La donna visibilmente scossa e frastornata consegnava quanto presente in casa, risparmi di una vita, del valore complessivo di 13.000 euro, all’ignoto presentatosi e datosi poi a repentina fuga.

Ma qualcosa ha insospettito la signora. L’ignoto interlocutore al telefono le aveva fatto compilare a mano una ricevuta di consegna del denaro che l’uomo presentatosi a casa non aveva ritirato. La donna accortosene richiamava l’uomo che faceva ritorno sull’uscio di casa. In quel momento finalmente realizzava trattarsi di una truffa: capisce di essere stata raggirata e inizia a chiamare aiuto, accorrono due vicini, qualcuno chiama il 112, la pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Girifalco in un batter d’occhio è sul posto e insieme ai volenterosi vicini blocca l’uomo che nel frattempo si era dato alla fuga a piedi nelle campagne circostanti. Addosso ancora la cifra provento dell’attività delittuosa.

Arrestato un 24enne di origine napoletana

L’uomo un 24enne di origine napoletana con precedenti di polizia veniva tratto in arresto nello stato di quasi flagranza del delitto di truffa aggravata ed accompagnato in Caserma dove la vittima ha sporto denuncia-querela per i fatti accaduti. Il più classico dei casi di truffa ad anziani, reato deplorevole che colpisce una categoria debole e indifesa, conclusosi stavolta nel migliore dei modi grazie alla rete informativa, all’intervento dei vicini e alla continua presenza sul territorio dell’Arma dei carabinieri.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved