Tumore al colon-retto, il professor Abenavoli: “In Calabria in 270mila dovrebbero sottoporsi a screening”

Necessità di una diagnosi precoce e prevenzione: se n'è discusso nel convegno organizzato all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro

L’analisi degli aspetti relativi allo screening del cancro del colon-retto nella popolazione generale e le nuove frontiere diagnostiche, anche attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale, sono alcuni degli argomenti al centro dell’importante evento scientifico sul tema “Screening del Cancro Colon-Retto: Nuovi Scenari per una Prevenzione Efficace”, che si è svolto venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro.

Il convegno – organizzato nell’ambito delle attività della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Digerente, è stato curato dal Professor Ludovico Montebianco Abenavoli, responsabile scientifico dell’evento – ha visto la partecipazione di esperti a livello nazionale. Tra i saluti istituzionali, prima dell’avvio dei lavori, quello del magnifico rettore dell’Università Magna Graecia, Professor Giovanni Cuda.

Il convegno – organizzato nell’ambito delle attività della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Digerente, è stato curato dal Professor Ludovico Montebianco Abenavoli, responsabile scientifico dell’evento – ha visto la partecipazione di esperti a livello nazionale. Tra i saluti istituzionali, prima dell’avvio dei lavori, quello del magnifico rettore dell’Università Magna Graecia, Professor Giovanni Cuda.

I dati

“Il tumore del colon-retto è un’emergenza nel periodo post-pandemico. È il primo tumore a livello mondiale con un’elevata incidenza e prevalenza. In Italia, ogni anno, vengono diagnosticate 50.000 nuovi casi, con un rapporto di 1:1 tra uomini e donne – ha spiegato il Professor Montebianco Abenavoli -. In Calabria, 270.000 persone dovrebbero essere screenate per il cancro al colon-retto, per familiarità e per età. Tuttavia, solo il 6% di questa popolazione ha effettivamente effettuato lo screening”

La necessità di una diagnosi precoce

La prevenzione è essenziale non solo per una corretta diagnosi, ma anche per un eventuale trattamento tempestivo ed efficace. “Se la diagnosi e il trattamento sono precoci, le possibilità di sopravvivenza aumentano notevolmente. È quindi fondamentale promuovere e incentivare lo screening, che in prima battuta consiste in un semplice esame delle feci per la ricerca del sangue occulto – ha detto ancora il Professor Montebianco Abenavoli – Per raggiungere questi obiettivi, è necessario un piano ben strutturato. Occorre un’organizzazione efficace, una cabina di regia e un progetto che, partendo dalla regione, coinvolga i centri dedicati allo screening. Il test per il sangue occulto fecale è semplice, non invasivo e di facile esecuzione. In caso di positività, consente di proseguire con l’iter diagnostico”.

“Procedere in questa direzione è quindi di fondamentale importanza per migliorare la prevenzione e la gestione del tumore del colon-retto”, ha concluso il Professor Ludovico Montebianco Abenavoli. L’evento ha avuto il patrocinio della Scuola di Medicina e del Dipartimento Scienze della Salute dell’Università “Magna Graecia” dell’Ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Catanzaro, della SIGE – Società italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva, oltre che della Regione Calabria, del Comune di Catanzaro e della Provincia di Catanzaro. La segreteria organizzativa è stata dell’Agenzia Present&Future.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
Accolto l'appello della difesa. Nessuna pericolosità sociale: "non esistono elementi da cui desumere l'appartenenza alla 'ndrangheta"
Buone notizie dall'occupazione: è aumentata anche nel 2023, sia nella componente autonoma sia per quella alle dipendenze
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved