Calabria7

Tumore seno: prevenzione, a Reggio Castello Aragonese rosa

L’assessore alle Politiche sociali del comune di Reggio Calabria, Lucia Anita Nucera, l’assessore alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale, Irene Calabrò, e il delegato alla Sanità, Valerio Misefari, hanno fatto sì che a partire da questa settimana il Castello Aragonese sia illuminato di rosa per sensibilizzare le donne circa l’importanza della prevenzione del tumore al seno. Ottobre, infatti, è il ‘mese rosa’, dedicato alla prevenzione del cancro al seno e in diverse strutture sarà possibile effettuare visite gratuite.

L’amministrazione comunale, oltre a invitare le donne a sottoporsi ai controlli necessari, intende anche porre massima attenzione nei confronti della patologia. “Tutti gli studi fin qui condotti confermano l’importanza di seguire un’alimentazione sana e corretta – scrivono in una nota congiunta – la correlazione tra obesità e incidenza del cancro del seno è infatti dimostrata, soprattutto dopo la fine dell’età fertile. Diverse ricerche hanno rivelato che questo tipo di neoplasia è maggiormente diffuso presso le popolazioni che seguono una dieta ricca di grassi, mentre gli alimenti tipici della dieta mediterranea hanno un’efficacia preventiva. L’attività fisica può ostacolare la formazione del tumore. Le donne che svolgono regolarmente sport presentano una riduzione del rischio di ammalarsi di circa il 15-20%”. Lo scopo dello screening, ovvero degli esami periodici su donne senza segni di malattia, è intercettare un eventuale tumore quando è ancora in fase precoce e può quindi essere curato con efficacia e con terapie poco invasive”.

Nel 2017 in Italia si sono registrati circa 51mila nuovi casi (di cui solo l’1% nei maschi). Il carcinoma mammario è la neoplasia più diagnosticata nelle donne, in cui circa un tumore maligno ogni tre (29%) è un tumore mammario. Considerando le frequenze nelle varie fasce d’età, i tumori della mammella sono diagnosticati prevalentemente sia nella fascia d’età compresa tra 0-49 anni (41%), sia in quella 50-69 anni (35%), sia in quella più anziana ≥70 anni (21%). La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi, indipendentemente da altre patologie, è in moderato e costante aumento da molti anni (81% dal 1990 al 1994, 85% dal 1995 al 1999, 87% dal 2000 al 2004) in relazione a diverse variabili, tra cui l’anticipazione diagnostica (screening) e il miglioramento delle terapie.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, la Calabria adesso ha paura (+187). Preoccupa il Cosentino

Damiana Riverso

Parole di Vita, domani 7 Luglio commento al Vangelo di don Gaudioso

Maurizio Santoro

Associazioni Catanzaro: soprintendenza faccia luce su reperti archeologici ritrovati

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content