Calabria7

Turismo in Calabria, previsto nel 2023 l’attracco di 35 navi da crociera sullo Jonio

Recruiting day, Costa Crociere apre le selezioni per lavorare a bordo delle navi

Sono già 35 le navi da crociera che per il prossimo anno hanno prenotato l’attracco al porto di Crotone. Lo ha annunciato Raffaella Del Prete, direttore generale di Global ports holding, la società che gestisce il terminal crocieristico nello scalo marittimo calabrese. La Global ports holdings, tra i più importanti operatori crocieristici del mondo con oltre 15 milioni di viaggiatori all’anno, opera nel porto di Crotone dal marzo scorso dove ha gestito l’attracco di 26 navi da crociera di 9 compagnie diverse. Complessivamente sono state 21 mila le persone passate dal terminal calabrese. Per il 2023 le prenotazioni sono per 35 navi da crociera che porteranno circa 27 mila passeggeri. Le principali compagnie sono Aida e Viking a cui si aggiungono alcune navi di lusso di Club Med e Swan Hellenic.

“Navi luxury a Crotone”

Del Prete ha illustrato l’attività che il gestore del terminal sta conducendo per attrarre nuove compagnie verso il porto di Crotone. In particolare ha annunciato la partecipazione del Crotone Cruis Ports alle maggiori fiere di settore come Miami Seatrade, European seatrade, Shipping week, Bit Milano e l’organizzazione di Fam trip nella cittadina pitagorica con i responsabili delle compagnie crocieristiche. “Il nostro obiettivo è portare le navi luxury a Crotone” ha detto Del Prete nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce e l’assessore al turismo Maria Bruni che hanno evidenziato l’investimento del Comune nel settore con i 600 mila euro del progetto ‘Visit Crotone’ assegnati come ristoro dal Ministero delle infrastrutture per i mancati guadagni dagli scali crocieristici nel periodo della pandemia da covid 19. Il comandante della Capitaneria di Porto, Vittorio Aloi ha sottolineato che “il passaggio importante per Crotone è stata l’aggiudicazione del terminal crocieristico ad una impresa di livello mondiale. Il porto – ha aggiunto Aloi – ha tanto da migliorare ad iniziare dalla possibilità, non di dico di dragare, ma di livellare il fondale per avere navi di maggiore pescaggio”.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content