Uccide la madre, poi si butta in un burrone: le ragioni del gesto in alcuni biglietti

Si ipotizza che i problemi di salute della madre e le difficoltà del figlio nel prendersene cura abbiano portato a questo drammatico epilogo
violenza sessuale

Una tragedia ha scosso la provincia di Reggio Emilia, quando il 66enne Gianni Dughetti ha compiuto un gesto estremo uccidendo sua madre, l’84enne Silvana Bucci. Si ipotizza che i problemi di salute della madre e le difficoltà del figlio nel prendersene cura abbiano potuto contribuire a questo drammatico epilogo.
Nella loro casa a Cervarezza, sono stati rinvenuti alcuni biglietti in cui Dughetti sembra cercare di spiegare il suo stato d’animo e il gesto compiuto. Si tratta di messaggi “scritti in vari luoghi a sua disposizione”, come dichiarato dal procuratore capo di Reggio Emilia, Calogero Gaetano Paci.
Sembrerebbe che Silvana fosse da poco rientrata a casa dopo un periodo trascorso in una casa di riposo, e che fosse rimasta vittima di un incidente stradale che l’aveva resa non autosufficiente.

“Una tragedia che ha ferito tutti”

L’intera comunità di Ventasso è stata scossa da questa vicenda di solitudine e disperazione. Il sindaco Enrico Ferretti ha espresso il desiderio che nessuno si erga a giudice di quanto accaduto, sottolineando che si tratta di una tragedia che ha ferito profondamente tutti.
Gianni Dughetti, ex imprenditore edile e ben noto a Cervarezza, dove ha fondato la LG Competion, società sportiva dedicata soprattutto alla pallavolo e al basket giovanile, era considerato una figura rispettata e amata nella comunità. Allenatore di pallavolo, ha lasciato un segno indelebile nella vita di molti giovani atleti.
È stato descritto come una persona solare e generosa, che ha sempre donato gioia e amore alla sua famiglia e alla comunità circostante. Il sindaco di Ventasso ha ribadito l’importanza di rispettare il dolore della famiglia colpita da questa tragedia.
Oltre ai due fratelli di Gianni Dughetti, il padre della famiglia, separato dalla moglie Silvana, vive a Castelnovo Monti. Le salme delle due vittime sono attualmente presso l’istituto di medicina legale di Modena, in attesa delle necessarie autorizzazioni per i funerali.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’iniziativa del Coordinamento provinciale a sostegno del popolo palestinese partirà da Piazza Matteotti
Il “santone” e il medico dovevano rispondere della morte della donna dopo l’asportazione di un neo senza anestesia, su un tavolo da cucina
Lo sciopero è stato indetto da Cgil e Uil con lo slogan "Mai più morti sul lavoro" dopo la tragedia di Firenze con 5 operai morti
Quasi 3mila i visitatori che, dal 3 dicembre 2023 al 19 febbraio scorso hanno visitato l’esposizione nel Castello Aragonese
Tra gli obiettivi del progetto ci sono anche quelli di anche consentire tirocini e percorsi formativi all’estero
L’incontro organizzato all’Hotel Guglielmo ha avuto come tema “1989, inizio di un’era: l’ingresso delle donne del Rotary”
È arrivata in Italia su un barcone nel 2016. La sua è fra le 7 attività di cittadini stranieri nate in Calabria grazie al progetto PIU Supreme Resto in Campo
Il 36enne, in sella a una moto Ducati, si è scontrato con una Porsche. Ferito, in modo non grave, il conducente dell’auto
“Oggi scioperano i metalmeccanici e gli edili, ma la sicurezza riguarda tutto il mondo del lavoro sempre più precario e senza diritti”
Si riprende una tradizione interrotta a causa della pandemia, con la premiazione organizzata dal Comitato regionale Calabro della FITP
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved