Uccide la prozia alimentandola con cibo proibito per intascare l’eredità: arrestata

La pronipote è stata posta ai domiciliari, con l'uso del braccialetto elettronico, ed è accusata di circonvenzione di incapace e omicidio aggravato
furti esercizi commerciali

Avrebbe provocato la morte di una prozia di 80 anni, ricoverata presso una casa di cura di Aci Castello (Catania), facendole ingerire del cibo che la donna non avrebbe dovuto mangiare per potere beneficiare dell’eredità. E’ l’accusa contestata dalla Procura di Catania a una pronipote della vittima, che è stata arrestata da carabinieri. La donna è stata posta ai domiciliari, con l’uso del braccialetto elettronico, accusata di circonvenzione di incapace e omicidio aggravato.

Il decesso dell’anziana prozia

Il decesso dell’anziana prozia

 La vittima, che non era autosufficiente, è morta il 16 dicembre 2022 in una casa di cura dove l’anziana risiedeva da circa quindici giorni. Il decesso, ricostruisce la Procura di Catania, sarebbe da collegare “all’ingestione avvenuta cinque giorni prima di cibi solidi, per lei fortemente dannosi a causa delle patologie da cui era affetta, che le consentivano di nutrirsi solo attraverso cibi omogeneizzati”.

Il piano articolato della pronipote

 Le indagini dei carabinieri, secondo l’accusa, avrebbero permesso di “fare luce sull’articolato disegno criminoso tessuto dall’indagata, che avrebbe causato la morte dell’anziana, ritenuta in un primo momento riconducibile a cause naturali, al fine di potere beneficiare della relativa eredità”. Il progetto criminale della pronipote sarebbe stato “portato avanti facendo dapprima sottoscrivere all’anziana una procura generale anche per il compimento di atti di straordinaria amministrazione in proprio favore”.

Il testamento e il triste epilogo

 E proseguito, il 9 dicembre del 2022, “facendo sottoscrivere un testamento pubblico con cui, revocata ogni precedente disposizione, la istituiva quale unica erede universale”. Un atto, contesta la Procura, firmato due giorni prima del “triste epilogo, allorquando, contravvenendo alle prescrizioni mediche, avrebbe portato fuori a pranzo l’anziana, facendole mangiare cibi solidi, a seguito della cui ingestione l’anziana sarebbe poi deceduta dopo giorni di sofferenze”. L’indagata è stata rintracciata e arrestata dai carabinieri nella sua abitazione mercoledì pomeriggio, dove è stata posta ai domiciliari con l’obbligo dell’uso di un braccialetto elettronico.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved