Calabria7

Uccise il padre sull’uscio di casa, 28enne lascia carcere

In accoglimento della richiesta avanzata dall’Avv. Ettore Zagarese, lascia il carcere il giovane rossanese A.M., accusato di omicidio volontario per aver ucciso a colpi di fucile il proprio padre Mario, 50enne, la sera del 17 novembre 2017 sull’uscio di casa, in un’abitazione degli alloggi popolari di viale Sant’Angelo nell’area urbana di Rossano.

La Corte di Assise di Appello di Catanzaro, valutando favorevolmente la condotta processuale serbata dal giovane nel corso del procedimento e tenendo in debita considerazione le motivazioni che lo avevano portato a commettere il delitto, ha disposto nei suoi confronti il regime dei domiciliari.

Il 28enne A.M., che subito dopo il fatto si era costituito ai Carabinieri di Rossano, percorrendo a piedi il tratto di strada che divide la sua casa dalla Compagnia della Benemerita, si era immediatamente assunto la responsabilità dell’accaduto narrando di come fosse arrivato ad un punto di saturazione dopo anni di vessazioni all’interno delle mura domestiche che condivideva con il padre, noto pregiudicato, e con la sua famiglia.

Per tali fatti la Corte di Assise di Cosenza lo aveva condannato in primo grado alla pena di 18 anni e 10 mesi di reclusione (il Pubblico Ministero di udienza aveva chiesto la condanna all’ergastolo). Pena poi ridotta a 9 anni di reclusione all’esito del giudizio di secondo grado lo scorso ottobre, in accoglimento dell’appello proposto dall’Avv. Ettore Zagarese.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Gestione dei rifiuti irregolari a Vibo, chiuse le indagini sull’Ecocar (NOMI)

Gabriella Passariello

Droga, oltre 2 chili fra marijuana e cocaina, arrestato 28enne

Mirko

Soverato, Tar Calabria condanna Comune per i distributori no-stop

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content