Calabria7

Uccise imprenditore in spiaggia nel Vibonese, condannato a 12 anni ma rimesso in libertà

petrolmafie

La sezione feriale del Tribunale del Riesame di Catanzaro presieduto dal giudice Mario Santoemma ha revocato gli arresti domiciliari nei confronti di Giacomo De Salvo, 47 anni di Spilinga, già condannato dalla Corte d’assise d’appello a dodici anni di reclusione perché ritenuto responsabile dell’omicidio di Rocco Sainato, titolare di un villaggio turistico a Capo Vaticano, nel luglio del 2011. Accolta l’istanza presentata dagli avvocati Salvatore Staiano e Patrizio Cuppari che avevano chiesto di rivedere la misura cautelare applicata dalla stessa Corte nei confronti del loro assistito.

Revocati i domiciliari

Per i giudici del Riesame le esigenze cautelari “attuali e concrete” che possano giustificare il misura applicata sono insussistenti. Tra i motivi alla base della decisione: la risalenza nel tempo dei fatti per i quali De Salvo è stato condannato e il particolare che in questo arco temporale l’imputato non ha manifestato comportamenti penalmente rilevanti quando non era sottoposto a misura cautelare. Il collegio giudicante ha dunque annullato l’ordinanza della Corte d’assise d’appello di Catanzaro ordinando l’immediata cessazione della misura cautelare per cui De Salvo potrà tornare in libertà.

L’omicidio e la condanna

Giacomo De Salvo è stato condannato in appello a dodici anni di reclusione mentre Rocco Sainato è deceduto l’1 marzo del 2013, dopo un periodo di coma nell’ospedale di Crotone, a seguito delle ferite alla testa riportate nel corso di una rissa sulla spiaggia di Grotticelle. Secondo gli inquirenti sarebbe stato fatale un colpo inferto da De Salvo con il palo di un ombrellone. Alla base della rissa i pessimi rapporti di vicinato fra i due titolari di strutture turistiche a Grotticelle e il passaggio della strada limitrofa al villaggio negato da Sainato a De Salvo.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Bombardieri: “Nel mondo è aumentata la percezione della pericolosità della ‘ndrangheta”

bruno mirante

Questura Crotone, i risultati settimanali di “Focus ‘Ndrangheta”

Mirko

Mostre: a Catanzaro il viaggio di Omero tra Calabria e Sicilia

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content