Calabria7

Udc, il neoconsigliere regionale Paris lascia lo scranno in Comune alla Eraclini

Stavolta no, stavolta le dimissioni di un “alto papavero” reggino dell’Udc non c’entrano con gli smottamenti interni al partito moderato.
Nicola Paris, con un’accorata lettera a sindaco e consiglieri comunali,  sei mesi dopo l’elezione in Consiglio regionale lascia Palazzo San Giorgio. Gli subentrerà la giovane Stefania Eraclini, prima dei non eletti (che risulterà la terza donna del Consiglio comunale reggino insieme a Nancy Iachino e Paola Serranò) e “figlia d’arte”: il padre Peppe Eraclini a lungo è stato una colonna di Alleanza nazionale e “storico” presidente della Sesta Circoscrizione di Sbarre.

Nella sua missiva, Paris richiama alla memoria i«1.016 voti di preferenza» che lo riconsegnarono al Consiglio comunale reggino, dove già aveva militato nella precedente consiliatura ma nelle fila del centrodestra, schieramento al quale è tornato adesso a Palazzo Campanella, facendo presente che «candidarsi a guidare una città vuol dire avere la propria città nel cuore, amare e far crescere la propria comunità mettendo a disposizione il proprio tempo».

In questa consiliatura – vissuta invece nel centrosinistra, inizialmente quale eletto nel Centro democratico di Bruno Tabacci – Paris ha vestito i panni di consigliere delegato alle Festività mariane, ai Grandi eventi e all’Edilizia scolastica: «Il mio più grande orgoglio – commenta adesso – è stato quello d’aver sempre ascoltato le istanze del territorio prospettando le possibili soluzioni», coniugando le «enormi responsabilità» a entusiasmo e determinazione, «tra tante difficoltà e qualche delusione», ammette l’ex operaio delle Omeca, oggi Hitachi Rail, di Torrelupo.

L’avvicendamento con la Eraclini sui banchi della maggioranza – ammesso che la neoconsigliera comunale vada lì a posizionarsi, adesso – era del tutto programmato: il nodo sta nell’essere «molto impegnativo rivestire entrambe le cariche», considerato anche «l’impegno assorbente di consigliere regionale» che, di fatto, vieterebbe a Nicola Paris «di poter assolvere in maniera incisiva, così come ho sempre fatto, alle mie funzioni di consigliere comunale».

Rimangono tuttavia i numerosi punti interrogativi sulla “tenuta” dell’Unione di centro, in un grappolo di giorni orbata dapprima del coordinatore comunale Riccardo Occhipinti e poi della coordinatrice provinciale Paola Lemma: due nomi però, si osserva, riconducibili a un’area differente da quella espressa da Paris, ossia quella capitanata dall’ex candidato alla Camera nel collegio uninominale reggino e oggi assessore regionale al Bilancio Franco Talarico. E la problematica pare proprio essere stata tutta interna non al partito, bensì alla sola componente Talarico, viste le parole tranchant con cui entrambi i coordinatori dimissionari hanno ricordato bruscamente di non aver mai né chiesto né avallato un incarico in Giunta regionale per il politico lametino.

«Se chiederò a Occhipinti e Lemma di restare al loro posto? Ma non tocca a me – si schermisce Paris –. E poi, credo che il nodo da risolvere sia interno, appunto, alla loro componente: prima debbono chiarirsi». Ne avranno l’occasione già lunedì prossimo, giorno per cui è prevista una probabilmente “infuocata” riunione dei quadri e dirigenti udiccini sul territorio di Reggio Calabria.

Sul tappeto, tuttavia, un altro enorme punto interrogativo: con tutto il rispetto per la Lega, come fa una “ritrovata” forza centrista che alle Regionali solo 6 mesi fa ha dimostrato d’incidere e di contare su uno spettacolare 12,3% dei suffragi (quarta forza in città) a “non toccare palla” sulla “madre di tutte le sfide”, insomma sull’individuazione di percorsi e candidato sindaco per le Comunali del 20 e 21 settembre? La domanda ne fa nascere tante altre. Nei prossimi 10-15 giorni, la risposta.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Candidature Lamezia, termini scaduti: primo commento è di Pegna

nico de luca

Mafie, Marziale: “No ai videogiochi in cui i boss sono eroi”

Mirko

Sanità, Oliverio: basta Commissari (VIDEO)

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content