Uesse, la società meriterebbe più presenze allo stadio

di Danilo Colacino – Una squadra in continua crescita, il Catanzaro, che mostra grande brillantezza oltre a un utilitarismo degno di chi ha la stoffa per arrivare lontano. Al primo posto in graduatoria? Chissà. Ma di sicuro fino a lottare per la conquista della B, magari finalmente attraverso quei play-off tabù che tante volte hanno lasciato i tifosi giallorossi con l’amaro in bocca.

Anzi, con un vero e proprio travaso di bile. Certo – ci ispirerebbe monsieur de La Palice – nel capoluogo si sogna il gran colpo, un primato che spalancherebbe subito a Furlan e compagni le porte della serie Cadetta. Quello che il rigore fallito da Giannone a Castellammare di Stabia, peraltro giustamente difeso a spada tratta da staff tecnico e dirigenziale, sembra aver reso ai limiti dell’impossibile, anche se…Ma un campionato le Aquile l’hanno già vinto ed è il torneo della società, che sta facendo tutto al meglio.

Anzi, con un vero e proprio travaso di bile. Certo – ci ispirerebbe monsieur de La Palice – nel capoluogo si sogna il gran colpo, un primato che spalancherebbe subito a Furlan e compagni le porte della serie Cadetta. Quello che il rigore fallito da Giannone a Castellammare di Stabia, peraltro giustamente difeso a spada tratta da staff tecnico e dirigenziale, sembra aver reso ai limiti dell’impossibile, anche se…Ma un campionato le Aquile l’hanno già vinto ed è il torneo della società, che sta facendo tutto al meglio.

Basti pensare all’accortezza di chi, in panchina, indica di soppiatto al calciatore che dev’essere sostituito di allontanarsi per perdere più tempo sull’1 – 0 a proprio favore. Si potrebbe però proseguire, in generale, con quanti coloro operano in maniera indefessa per la cura di ogni aspetto che possa facilitare il lavoro di mister Gaetano Auteri e dei suoi ragazzi. Peccato solo, allora, che una città, calda e appassionata, qual è notoriamente Catanzaro non risponda secondo le attese.

I 4.500 paganti di ieri pomeriggio, nemmeno esatti, rappresentano infatti una cifra non esigua, ma al contempo non pienamente soddisfacente. D’accordo con le millemila motivazioni che si tirano fuori sull’argomento, più o meno in quest’ordine: la crisi economica imperante in un territorio depresso; lo stadio non accogliente; il rigido clima invernale; il poter assistere alla partita in diretta web comodamente dal divano di casa con una modica spesa di appena un paio di euro; la minore affezione rispetto al passato dei supporter della provincia e della regione, dopo qualche decennio di appannamento del club, e appunto i quasi 30 anni passati ai margini del calcio che conta.

Ma la verità è che bisognerebbe dare più fiducia all’attuale proprietà, in grado di regalare grandi soddisfazioni a una piazza in cui non si registra più il sostegno dei tempi d’oro. Un elemento negativo, che si auspica non debba essere pagato a caro prezzo da quanti tengono davvero molto (e sono decine di migliaia di persone) alle Aquile del Sud.

Redazione Calabria 7

(Foto: usacatanzaro1929.com/RomanaMonteverde)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved