Calabria7

Un 30enne muore in Texas: contagiato ad un “Covid party”

covid party

Un’altra vittima dell’incoscienza: l’uomo credeva che il Coronavirus non esistesse e ha partecipato ad un Covid Party per dimostrarlo

Un 30enne americano è morto per coronavirus in Texas dopo aver partecipato, ed essere stato contagiato, ad un “Covid party”.

Pochi giorni prima, l’uomo aveva partecipato alla festa in cui i partecipanti hanno ignorato il distanziamento sociale: “Pensavo che questo virus fosse una truffa, ma mi sono sbagliato”, ha detto a un’infermiera prima di morire.

“L’idea della festa è riunirsi e vedere se il virus è reale e se qualcuno dei presenti viene contagiato”, ha spiegato la dottoressa Jane Appleby, medico del Methodist Hospital, a San Antonio.

“Nessuno di noi è invincibile”, ha avvertito Applby. Diversi pazienti tra i 20 e i 30 anni erano attualmente ricoverati nella sua struttura per complicazioni legate al Covid-19, ha inoltre sottolineato.

L’appello della dottoressa

La dottoressa Jane Appleby ha raccontato la vicenda in un video pubblicato su YouTube e ha lanciato un appello online invitando i giovani a non partecipare ai “Covid party”.

“L’idea di queste feste è riunirsi e vedere se il virus è reale e se qualcuno dei presenti viene contagiato”, ha spiegato la dottoressa, avvertendo che “nessuno di noi è invincibile”.

Diversi pazienti tra i 20 e i 30 anni sono attualmente ricoverati nella sua struttura per complicazioni legate al Covid-19, ha inoltre sottolineato.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Donna si prostituisce e chiude, di comune accordo, il suo compagno sul balcone

Matteo Brancati

Coronavirus, si aggravano le condizioni dei coniugi cinesi ricoverati a Roma

Matteo Brancati

Violenza davanti a nota discoteca, arrestato 21enne

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content