“Un minuto in più e sarebbe morto”, carabinieri si fanno strada nel traffico e salvano un neonato

Corsa per la vita. Bimbo di un mese in arresto cardiocircolatorio arriva in ospedale grazie alla ‘scorta’ dei carabinieri che apre la strada nel traffico

Via Gerardo Chiaromonte, una strada intitolata da pochi anni nel dedalo di vie per anni senza nome a Napoli Est. Mancano venti minuti alle 6 del pomeriggio, un’auto richiama l’attenzione. Motivo? È veloce come una scheggia impazzita ma la descrizione di chi è nella vettura non corrisponde a quella classica di “personaggi poco raccomandabili”. Dal parabrezza si vede chiaramente cosa sta accadendo: c’è un uomo pallido che corre al volante e una mamma che stringe un fagotto avvolto in una coperta. Dentro c’è suo figlio, 1 mese di vita, cianotico. La pattuglia di carabinieri della stazione di Barra è poco lontana. Sente il motore, l’incessante incedere del clacson per farsi largo. Entrambi i militari sono genitori: capiscono cosa devono fare in un batter d’occhio. Ed è una fortuna.

L’intervento dei carabinieri

L’intervento dei carabinieri

Si fanno largo con lampeggianti e sirene. Si piazzano davanti alla loro auto e gli fanno segno di seguirli. Aprono la strada,  tagliano il traffico come un coltello caldo fa col burro. In pochi istanti sono nel pronto soccorso di Villa Betania, scortano la madre e il piccolo all’interno e lo affidano ai medici. Davanti ai loro occhi quel piccolo corpicino viene intubato. Le mani dei medici battono forte sul suo petto per un massaggio cardiaco. Il suo cuore ha smesso di battere, è in arresto cardiocircolatorio. Il tempo si ferma, un silenzio irreale piomba nella stanza. Il bimbo piange: è vivo ed è salvo. Per i medici “un minuto in più e sarebbe morto”, per i genitori e i carabinieri una fiaba dell’orrore ma dal lieto fine. Il piccolo ora sta bene, ancora tra le braccia della madre grata di aver incontrato due angeli in uniforme. Questa volta sul volto solo sorrisi e il regalo di Natale più bello già scartato.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il riconoscimento dell’Associazione “Universo Minore” in virtù del contributo del personale scolastico a favore di una bambina affetta da gravi problemi di salute
Il sistema potrà subire interruzioni/sospensioni a causa di programmati interventi di manutenzione necessari per la migrazione di dati
Il coordinatore del corridoio Mediterraneo-Scandinavo: “Potrebbero arrivare da Bruxelles risorse per un co-finanziamento fino al 50% per gli studi di preparazione”
Gli aiuti liquidati da Arcea in favore di oltre 34mila beneficiari, Gallo: “Una boccata d’ossigeno per gli imprenditori agricoli calabresi”
L'addio del nipote di Angelo e sindaco del comune catanzarese in cui nacque il noto politico che fu anche sindaco del Capoluogo
"Ora sarò migliore", promette Davide, in arte Davo, alla madre. "Mi vergognavo troppo del dolore che le avevo fatto provare"
Scambio di "regali" tra le atlete e la nazionale di calcio femminile italiana, impegnata a Cosenza nella partita contro l'Olanda
In corso gli accertamenti per stabilire le cause del rogo che hanno distrutto l'appartamento al quarto piano, inagibile per i gravi danni
Antonino Casella prende il posto lasciato da Nicola Corsaro, recentemente andato in pensione: la sua carriera da Piacenza alla Calabria
L'iniziativa per indicare le virtù di tantissime "stelle dell’antimafia" che Enzo Bubbo ha conosciuto da vicino e trattato in un libro presentato nell'occasione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved