Calabria7

Un nastro rosso per Nasrin Soudouteh [SERVIZIO TV]

Avvocati e magistrati del foro di Catanzaro uniti in difesa del noto legale e difensore dei diritti umani Nasrin Sotoudeh, iraniana, condannata a 33 anni di carcere e a 148 frustate. La sentenza si aggiunge alla condanna a cinque anni emessa nel settembre 2016 al termine di un altro processo irregolare, per un totale di 38 anni di prigionia. Quasi quattro decenni di carcere inflitti per aver adempiuto al suo lavoro in favore dei diritti umani, compresa la difesa legale di donne sotto processo per aver sfidato le leggi sull’obbligo del velo.  A Catanzaro oggi una nuova iniziativa è stata promossa dall’Associazione nazionale forense – come ha spiegato Pietro Marino segretario dirigente dell’Anf-, che si aggiunge a quella della raccolte delle firme, che verranno consegnate in occasione del Consiglio nazionale forense  straordinario che si terrà in aprile al presidente dello stesso Consiglio in modo tale da poter sensibilizzare le autorità europee su questa paradossale vicenda. Stamattina  l’avvocato Marino ha consegnato al presidente della Camera penale di Catanzaro Ermenegildo Massimo Scuteri un nastro rosso che a sua volta verrà consegnato ad ogni membro della Camera penale. Un nastro rosso che verrà  inserito sulla toga e tenuto fino a quando non verrà revocata la misura interdittiva inflitta a  Nasrin Soudouteh. Incisive le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Calabria 7 dal presidente della Camera penale  Ermenegildo Massimo Scuteri, dal procuratore generale Otello Lupacchini e dall’avvocato generale Beniamino Calabrese

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Maltempo, linea ferroviaria Battipaglia – Paola verso la normalità

Carmen Mirarchi

Valorizzare l’avvocatura italiana, il Coa Catanzaro istituisce la commissione “Rapporti internazionali”

Damiana Riverso

Ministro Boccia, la conferenza Stato-Regioni si svolgerà lunedì a Catanzaro

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content