Un pentito rivela: “Volevano fare un attentato al figlio di Gratteri investendolo con l’auto”

Il magistrato Ardita ricorda che qualche tempo dopo il procuratore andò a Messina "a denunciare una brutta intimidazione a suo figlio che somigliava ad un sopralluogo preattentato"

Il neo pentito di Locri Antonio Cataldo ha raccontato che nel 2013 un altro detenuto gli aveva “raccontato del progetto per compiere un attentato al figlio di Nicola Gratteri che in quel momento era stato proposto come ministro della Giustizia”. È quanto afferma il magistrato Sebastiano Ardita, che esprime a Gratteri “ed alla sua splendida famiglia la più grande forte e affettuosa solidarietà”.

La rivelazione e l’intimidazione successiva

La rivelazione e l’intimidazione successiva

Il pentito ha raccontato che “c’era un allarme in generale… delle persone detenute… loro temevano delle… dei processi… e leggi più ferree”, aggiungendo poi inquietanti particolari sulle modalità con le quali doveva essere commesso il delitto: “Specifico che non volevano spararlo ma che lo avrebbero investito con una macchina”. Ardita aggiunge che qualche tempo dopo il 2013, quando era procuratore aggiunto a Messina, “Nicola venne a denunciare una brutta intimidazione ai danni di suo figlio che somigliava ad un sopralluogo preattentato”. La foto che Ardita ha pubblicato sul suo profilo Facebook risale proprio a quel giorno.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
La donna aveva trascinato l'ex coniuge in tribunale perché non pagava gli alimenti . Ottenuti i danni morali
A renderlo noto è il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. Per altre importanti chiese si stanno valutando altre fonti di finanziamento
"La partita di sabato prossimo sarà un’altra occasione per confermare il meraviglioso percorso realizzato da Vivarini, Iemmello e compagni"
Tre gli incontri sul territorio per il deputato già vice Ministro dell’Interno che sarà in provincia di Cosenza il prossimo giovedì 23 Maggio
I carabinieri hanno trovato in un fondo agricolo di proprietà dell'uomo 37 cani, 5 dei quali sprovvisti di iscrizione all'anagrafe canina
Il fatto è accaduto a Settingiano. L'esplosione probabilmente è stata causata da una fuga di gas. Sul posto Vigili del fuoco e carabinieri
Accolta la richiesta difensiva. Per i giudici di appello "non esiste la pericolosità sociale". Dimostrata la non appartenenza al sodalizio
Il documento firmato dal presidente della Giunta Regionale Occhiuto e dal comandante regionale della Guardia di Finanza Gianluigi D’Alfonso
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved