Utilizza i “bonus facciate” per acquistare Ferrari, Lamborghini e Rolex: sequestrati i beni di una società edile

Truffa da 2 milioni di crediti falsi, confiscati anche crediti, denaro, immobili e beni di lusso

Un’impresa edile con sede a Varese è stata oggetto di un sequestro di crediti, denaro, immobili e altri beni di lusso, in collegamento a una frode del valore totale di 2 milioni di euro. Nel corso delle indagini, è emerso che l’azienda avrebbe autofinanziato l’acquisto e il noleggio di quattro Ferrari, una Lamborghini e un veicolo Radical da pista. Inoltre, erano stati acquisiti beni di lusso come orologi e appartamenti. Il provvedimento di sequestro è stato eseguito dai finanzieri del Comando Provinciale di Varese e Milano, sulla base di un decreto emesso dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio. L’indagine si è concentrata sul sistema delle frodi legato al cosiddetto “bonus facciate 90%“.

Gli indagati e i beni sequestrati

Gli indagati sono due: un 49enne di Legnano (Milano) e un 48enne residente a Uboldo (Varese). In particolare, l’attività ha riguardato crediti indebitamente generati da una società edile e dal suo rappresentante legale con il sistema della sovrafatturazione per 2 milioni di euro. Gli investigatori hanno sequestrato 15 auto d’epoca e di lusso (Ducati, Honda, Vyrus e altre), 10 mila euro di quote della società e un orologio Rolex Yachtmaster in oro, trovato in una perquisizione, dal valore di circa 30 mila euro. Alla società sono state sequestrate diverse auto di lusso: Lamborghini Huracan STO, Ferrari 812 Superfast, Ferrari 488, Ferrari FF, Ferrari F8 e una da pista chiamata Radical, usate sia dal rappresentante legale per fini personali sia per un business che gli indagati stavano ideando nel noleggio delle auto in cui versare il provento della frode.

L’indagine della Gdf

La Gdf ha analizzato la documentazione dei cantieri interessati, collocati in Gallarate, Cardano al Campo, Cassano Magnago, Busto Arsizio e Parabiago, riscontrando la documentazione acquisita presso la sede della società con le dichiarazioni rese dai proprietari degli immobili. Queste informazioni sono state confrontate con gli estratti dei conti correnti della società. Il condominio o il singolo proprietario, ignaro, riceveva la fattura da pagare e la documentazione in relazione ai lavori da eseguirsi. Tuttavia, la stessa società edile procedeva poi a generare in capo al cliente un credito fiscale enormemente più alto, fino a circa il 300% rispetto a quello spettante.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
“Servono ulteriori 11 miliardi per l’ammodernamento totale della ‘strada della morte’. Non consentiremo la realizzazione di lotti incompleti”
All'incontro tenutosi presso la sede dell'Università Pontificia della Santa Croce, Helga Procopio e Francesco Mancuso hanno rappresentato la città capoluogo calabrese
L'incontro è avvenuto nel Liceo Scientifico Zaleuco, dove il magistrato ha risposto alle domande dei ragazzi e ha approfondito tematiche attuali
Vista la gravità della ferita è intervenuto l'elisoccorso, che ha trasportato la vittima all'ospedale "Annunziata" di Cosenza
Secondo un sondaggio, il 44% si sente inadeguato e insicuro dovuto all'ipercompetizione a scuola, che rende più difficile imparare
Le iniziative si terranno nella città crotonese dove, nel febbraio 2023, si è verificato il naufragio nel quale hanno perso la vita 94 persone
Il sindacato aderisce alla mobilitazione nazionale del settore edile e metalmeccanico. I numeri degli infortuni sono ancora più allarmanti in Calabria
Arrestati, tra gli altri, due funzionari dell’Agenzia delle Dogane che sarebbero coinvolti in traffico internazionale di sostanze stupefacenti
Fortunatamente ha avuto il tempo e la concentrazione per rallentare
L'indagine: è come se le lavoratrici italiane iniziassero a percepire uno stipendio a partire da febbraio, pur lavorando regolarmente dal 1° gennaio
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved