Calabria7

Va al bar per comprare le sigarette e gli rubano tutto: tre indagati nel Vibonese

Aste giudiziarie truccate

di Mimmo Famularo – Entra in un bar per acquistare un pacchetto di sigarette e lo rapinano di tutti i risparmi che per paura portava sempre con sé: oltre duemila euro in contanti. La Procura di Vibo guidata da Camillo Falvo ritiene di aver fatto piena luce su una rapina commessa a Rombiolo lo scorso 4 febbraio e, a conclusione delle indagini, ha notificato un avviso di garanzia ai due presunti autori: Rosario Neri, 30 anni di Vibo, e Domenico Emanuele Baldo, 23 anni di Ionadi. Entrambi sono accusati in concorso tra di loro di rapina. Secondo quanto si legge nel capo di imputazione sarebbero entrati all’interno del Roxi Bar di Rombiolo colpendo ripetutamente con calci e pugni al volto e al corpo la vittima. Indagato per favoreggiamento anche il titolare dell’esercizio commerciale Renato Aversa, 46 anni di Pernocari (frazione di Rombiolo) che avrebbe aiutato i due indagati “ad eludere le investigazioni dell’autorità giudiziaria”.

La rapina e il pestaggio

Secondo quanto ricostruito nel corso dell’attività investigativa, la vittima si trovava all’interno del bar per acquistare un pacchetto di sigarette e aveva in mano 2040 euro in contanti, ovvero i risparmi che portava sempre con sé perché non si fidava di lasciarli a casa. Proprio all’atto del pagamento entrava nel locale Rosario Neri il quale – secondo l’accusa – avrebbe invitato, con insistenza, la persona offesa a uscire dal bar per parlargli. Di fronte al rifiuto avrebbe iniziato a colpirlo ripetutamente con calci e pugni al viso con l’intento di sottrargli il denaro e il telefonino. Al pestaggio avrebbe partecipato anche Baldo e ad evitare il peggio sarebbe stato l’intervento dello zio della vittima, giunto in suo soccorso. Così i due presunti autori della rapina avrebbero desistito nell’intento lasciando il bar e dileguandosi a bordo di una Fiat 500 guidata da un terzo soggetto allo stato ancora non identificato.

Parola alla difesa

Chiuse le indagini preliminari, i tre indagati, assistiti dagli avvocati Santo Cortese, Demetrio Procopio e Michele Pagnotta, avranno ora venti giorni di tempo per presentare memorie difensive, produrre o depositare documenti relativi a investigazioni difensive e chiedere eventualmente di essere sottoposti a interrogatorio.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ubriaco aggredisce bariste e fugge con l’incasso, arrestato 35enne a Cosenza

Mirko

Quattro sbarchi di migranti in poche ore a Crotone

Maria Teresa Improta

Bimba violentata in un bar del Catanzarese, condannato 77enne

Gabriella Passariello
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content