Va in ospedale per un mal di gola e muore a soli 44 anni

"Alle sue figlie di 3 e 12 anni va detto perché il loro papà non c'è più", ha affermato l'avvocato di famiglia
mal di gola

È andato in ospedale per un mal di gola ed è morto al Pronto soccorso. È accaduto a un 44enne, arrivato il 31 dicembre scorso all’ospedale San Camillo di Roma per un mal di gola che si era fatto sempre più doloroso fino a rendergli difficile deglutire la saliva. A riportare la notizia è ‘Il Messaggero’, sottolineando che ora i familiari dell’uomo chiedono chiarezza sul caso e cercano risposte tramite una denuncia presentata ai carabinieri della stazione di Porta Portese.

“È davvero inspiegabile come una persona giovane e che non risultava soffrire di alcuna patologia – spiega l’avvocato Cesare Antetomaso al quotidiano – possa essere deceduta nel giro di così poco tempo e in un pronto soccorso. Alle sue figlie di 3 e 12 anni va detto perché il loro papà non c’è più”.

“È davvero inspiegabile come una persona giovane e che non risultava soffrire di alcuna patologia – spiega l’avvocato Cesare Antetomaso al quotidiano – possa essere deceduta nel giro di così poco tempo e in un pronto soccorso. Alle sue figlie di 3 e 12 anni va detto perché il loro papà non c’è più”.

Il racconto della compagna

La compagna racconta che il 44enne “non si sentiva tanto bene, aveva mal di gola. Ma la cose di per sé non ci aveva allarmato troppo, visto che io stessa avevo avuto le placche alla gola e la nostra bambina aveva preso una influenza. Solo che nel corso della giornata del 31, Francesco cominciava a non deglutire bene, si sentiva tanto la gola arrossata. È allergico a un tipo di antibiotico, aveva preso uno spray senza avere sollievo, allora, per sicurezza, abbiamo detto ‘meglio andare in pronto soccorso’. È andato da solo perché con la bambina piccola non era il caso di accompagnarlo”. Ma di fronte al fatto che il compagno a un certo punto non rispondeva più ai messaggi e alle chiamate, un’amica della donna ha chiamato l’ospedale dal quale più tardi hanno richiamato per dire che la situazione era “grave”.

La compagna del 44enne, come ricostruisce lei stessa al quotidiano, si è dunque precipitata al pronto soccorso dove tuttavia il compagno è deceduto. Sarà l’autopsia, riporta il quotidiano, a fare luce sull’accaduto, stabilendo innanzitutto cosa esattamente abbia provocato il decesso del 44enne escludendo complicazioni congenite. Dal San Camillo, d’altro canto, fanno sapere di essere “fiduciosi dell’operato del personale sanitario che ha fornito assistenza al paziente durante la sua repentina e grave evoluzione, purtroppo culminata col decesso” e di attendere i risultati autoptici “per effettuare una corretta valutazione dell’accaduto”, restando “a disposizione dei familiari” esprimendo loro “vicinanza per la drammatica perdita”. (Adnkronos)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La decisione dopo un esposto presentato da Partito democratico, Sinistra italiana e Avs
Da protagonista del mondo street-urban è diventato in poco tempo icona, punkrocker, popstar, capace di scardinare ogni stereotipo di genere
L'anticiclone, con temperature superiori alla media e condizioni meteo che contribuiscono alla pessima qualità dell'aria, sta per farsi da parte
Approfittando della consistenza numerica e del caos creato all'interno dell’esercizio, i tifosi hanno trafugato generi alimentari e altri oggetti dagli scaffali
Il sindacato supporta lo Sciopero indetto da Cgil Fillea e Feneal Uil, Fiom Cgil e Uilm Calabria sulla sicurezza sui luoghi di lavoro
Molto bassi i valori delle regioni del Mezzogiorno, mentre quelle del Nord guidano la classifica nazionale
Una volta immesso nelle piazze di spaccio, lo stupefacente - a giudizio dei finanzieri - avrebbe potuto fruttare ricavi per oltre 120mila euro
Secondo le prime notizie, solo lievi ferite e un grosso spavento per i passeggeri della vettura in transito
I militari hanno deferito due uomini di 55 e 66 anni. Un'altra persona - sottoposta ai domiciliari - è stata invece segnalata a causa delle numerose violazioni alle prescrizioni imposte
l'inviato
Il riscatto di un territorio passa dall’avere case decorose, spazi per il tempo libero e condizioni igieniche accettabili. Nel rione Vaccaro tutto ciò manca
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved