Vacanzieri del furto a Tropea, geolocalizzati e tratti in arresto

Camuffati da vicini di ombrellone, hanno approfittato del tuffo in acqua di una coppia di per rubare loro lo zaino e dileguarsi tra le file di ombrelloni

Si era allontanata solo per pochi istanti, giusto il tempo di un tuffo in acqua, la coppia di giovani che ieri è rimasta vittima del furto del loro zainetto con all’interno apparecchi tecnologici, smartphone e documenti. È accaduto nell’affollatissima spiaggia di Marina dell’Isola di Tropea, meta di turisti provenienti da tutta Europa. Ad agire non sono stati ladruncoli improvvisati, ma esperti “vacanzieri del furto”, ovvero dei professionisti con un certo curriculum di reati specifici nel settore, che pianificano i colpi da mettere a segno anche quando sono in vacanza. Si sono camuffati, come spesso accade, da innocui vicini di ombrellone, ed hanno approfittato del momento di ristoro in acqua della coppia, per allungare le mani sullo zainetto lasciato incustodito, ed andare via celati tra le file di ombrelloni. Determinante, per il lieto fine dell’evento, è stata la tempestività con cui la coppia rimasta vittima del furto, ha chiamato il 112 per denunciare l’accaduto. Nel giro di pochi minuti infatti, una pattuglia della Compagnia Carabinieri di Tropea, è giunta sul posto per raccogliere i primi elementi utili alla ricostruzione dell’accaduto e avviare le ricerche dei ladri e dello zainetto.

Cellulari geolocalizzati

Cellulari geolocalizzati

In questa prima fase, da manuale e decisivo, è stato l’esemplare sangue freddo mostrato dalla coppia di giovani, che non si è certo abbandonata al cosiddetto “panico da perdita smartphone”. I due ragazzi infatti si sono subito adoperati per geolocalizzare i loro telefoni, tramite apposita App installata su un terzo telefono trovato in prestito. Hanno quindi proceduto a rilevare l’esatta posizione di uno dei dispositivi appena sottratti fornendola ai carabinieri, i quali a loro volta hanno incrociato i dati della posizione con le immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza del Comune e dei privati. Nel giro di pochi istanti, è stato così elaborato, tramite le clip video della sorveglianza, l’identikit dei malfattori – subito riconosciuti dalle vittime – e il loro itinerario di fuga. I carabinieri di primo intervento hanno così provveduto a fornire i dati raccolti ai loro colleghi del Nucleo Operativo di Tropea, i quali, grazie agli elementi raccolti, hanno potuto, sotto la supervisione della Procura di Vibo guidata da Camillo Falvo, fermare, perquisire e arrestare i borseggiatori.

Rintracciati prima che raggiungessero la stazione

In particolare, l’operazione dei carabinieri, coordinata dal sostituto procuratore Corrado Caputo, si è conclusa prima che i ladri raggiungessero la stazione ferroviaria, ove erano diretti per far perdere le loro tracce in direzione Lamezia Terme. Dai primi accertamenti effettuati in fase di arresto, è emerso anche che avevano provveduto a disfarsi dello zainetto di colore rosso oggetto di furto, previo travasamento della refurtiva in altro zaino di tipo scolastico di cui erano in possesso. Circa 4000 euro l’ammontare del bottino recuperato, cifra derivata in gran parte dal valore degli smartphone di ultima generazione. Tutta la refurtiva, grazie alla preziosa collaborazione delle stesse vittime, è stata pertanto recuperata e restituita ai legittimi proprietari. I due arrestati sono stati posti ai domiciliari nel B&B dove alloggiano, in attesa dell’udienza di convalida che si è tenuta nella giornata odierna: arresto convalidato dal Gip Gianfranco Grillone con applicazione della misura cautelare personale coercitiva dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Vale la pena ricordare, che la scorsa settimana, i Carabinieri di Tropea, durante i servizi in stretto coordinamento con le altre Forze di Polizia, disposti in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica dal Prefetto Roberta Lulli, hanno messo a segno un altro colpo simile, ovvero l’individuazione di uno smartphone appena sottratto e la contestuale restituzione al legittimo proprietario.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved