Vaccini anti Covid scaduti in Svizzera: oltre 10 milioni di dosi saranno distrutte

Il costo delle dosi ammonta a 280 milioni di franchi svizzeri, equivalenti a 294 milioni di euro
vaccini omicron

La Confederazione deve gettare 10,3 milioni di dosi di vaccino di Moderna acquistate nell’ambito della lotta al Covid perché hanno raggiunto la data di scadenza e la loro validità non viene più prorogata. Verranno distrutti circa 2,5 milioni di dosi immagazzinate nella Base della logistica dell’esercito (LBA) nonché 7,8 milioni di dosi di proprietà della Confederazione depositate in un magazzino esterno in Belgio, scrive oggi l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) su richiesta dell’agenzia Keystone-ATS. I 10,3 milioni di dosi di Moderna sono scaduti mercoledì, afferma l’UFSP confermando una notizia del “Beobachter”.

L’UFSP non ha fornito indicazioni sui costi per l’acquisto del vaccino americano. Secondo il periodico si può supporre un prezzo di 28 franchi per dose, il che equivarrebbe a un valore di oltre 280 milioni di franchi per le dosi buttate. I costi per lo smaltimento sono invece irrisori: l’UFSP parla di appena un franco per chilogrammo. Le scorte in Belgio dovrebbero pesare circa 10 tonnellate, e le tasse per la loro distruzione quindi ammontare a circa 10’000 franchi. Il fatto di acquistare un gran numero di vaccini che eventualmente dovranno essere gettati era stato deciso consapevolmente: “dall’inizio della pandemia la Confederazione persegue una strategia di approvvigionamento basata su diverse tecnologie e aziende produttrici”, si legge ancora nella presa di posizione.

L’UFSP non ha fornito indicazioni sui costi per l’acquisto del vaccino americano. Secondo il periodico si può supporre un prezzo di 28 franchi per dose, il che equivarrebbe a un valore di oltre 280 milioni di franchi per le dosi buttate. I costi per lo smaltimento sono invece irrisori: l’UFSP parla di appena un franco per chilogrammo. Le scorte in Belgio dovrebbero pesare circa 10 tonnellate, e le tasse per la loro distruzione quindi ammontare a circa 10’000 franchi. Il fatto di acquistare un gran numero di vaccini che eventualmente dovranno essere gettati era stato deciso consapevolmente: “dall’inizio della pandemia la Confederazione persegue una strategia di approvvigionamento basata su diverse tecnologie e aziende produttrici”, si legge ancora nella presa di posizione.

In tal modo, qualora una tecnica si rivelasse inefficace o un produttore non fornisse le dosi ordinate, vi sarebbe a disposizione in qualunque momento un preparato efficace in quantità sufficienti. Poiché si sono dimostrati validi soprattutto i due vaccini mRna, questa strategia ha comportato un certo eccesso di approvvigionamento. Ciò significa ora che tutte le dosi scadute che non è stato possibile somministrare o cedere ad altri paesi devono essere distrutte. Al contempo arrivano anche i nuovi vaccini di Moderna adattati alle nuove varianti, aggiunge l’UFSP: “questi richiedono a loro volta spazio e devono essere immagazzinati al freddo in modo da restare a disposizioni in buona qualità fino alla data di scadenza”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
L’uomo, un assistente capo coordinatore 55enne, è morto nella sua abitazione mentre era libero dal servizio
Approvata anche la delibera che amplifica l’accesso dei soggetti fragili non autosufficienti ai servizi di assistenza semi residenziale
Il cadavere dell'uomo, vittima di lupara bianca, fu seppellito nel 2017 nei boschi di Ariola, dove fu rinvenuto nel 2020
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved