Calabria7

Vaccini, Draghi: “Chi vuole potrà comunque fare seconda dose con AstraZeneca”

coronavirus riaperture

“Se una persona under 60 ha fatto la prima dose del vaccino AstraZeneca e le viene proposta la vaccinazione eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di AstraZeneca purché abbia un parere del medico e un consenso ben informato”. Sono le parole del premier Mario Draghi in conferenza stampa con il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo.

“C’è stata una certa confusione negli ultimi giorni, vorrei ribadire alcuni punti. Primo: vaccinarsi è fondamentale. La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola. Secondo: l’eterologa funziona, io stesso martedì sono prenotato per fare la vaccinazione eterologa. Ho più di 70 anni, la prima dose di AstraZeneca ha dato una risposta bassa di anticorpi e mi si consiglia di fare l’eterologa, che funziona per me e funziona ancor di più per chi ha meno di 60 e 70 anni. Terzo punto: se una persona under 60 ha fatto la prima dose di AstraZeneca e le viene proposta la vaccinazione eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di AstraZeneca purché abbia un parere del medico e un consenso ben informato. La cosa peggiore da fare in quei casi è non fare nessuna seconda dose. Se queste persone non vogliono l’eterologa, possono fare la seconda dose di AstraZeneca”, afferma.

Obbligo mascherine all’aperto

Si parla di togliere l’obbligo di mascherine all’aperto: c’è una data? “No”, dice Draghi. “C’è una data da indicare in cui chiederò un parere al Cts tramite il ministro Speranza: domani farò richiesta formale al Cts per chiedere se possiamo togliere la mascherina all’aperto. Molti Paesi hanno tolto l’obbligo. Non ci sono date” per l’Italia.

“Non c’è motivo per cui ci sia un rallentamento” della campagna vaccinale. “Seguendo il parere del Cts, c’è maggiore libertà di scelta”, afferma Draghi, prima di rispondere ad una domanda sull’eventuale proroga dello stato d’emergenza, attualmente in vigore fino al 31 luglio. “Non mi sono ancora espresso. Non si può decidere uno stato d’emergenza con un mese e mezzo d’anticipo, lo decideremo quando saremo vicini alla data di scadenza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Lavoratori Cup Cosenza a rischio, sul tetto dell’ospedale per protesta

Andrea Marino

Assunzioni al Pugliese-Ciaccio, Abramo: “Bene sinergia azienda-sindacati”

Andrea Marino

Gratteri: “Ho ricevuto tante offerte di incarichi ma non ho mai pensato di mollare”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content