Vaccino anti-Covid per chi si ammala dopo la prima dose, il chiarimento del ministero

Il richiamo è raccomandato entro sei mesi per i contagiati entro 14 giorni dalla somministrazione
vaccini mRna

In aiuto e soccorso dei contagiati post vaccino arriva la circolare del ministero della Salute, a firma del direttore della Prevenzione Gianni Rezza, che fa chiarezza relativamente alla somministrazione anti-Covid in chi ha contratto un’infezione da Coronavirus successivamente alla prima dose di un siero come Pfizer, Moderna o AstraZeneca che ne prevede due per completare il ciclo.

Per chi ha contratto il Covid dopo la prima dose di vaccino, si può procedere comunque al richiamo, nel caso l’infezione sia sopraggiunta al massimo 14 giorni dopo l’inoculazione. In caso contrario, basta una dose sola, dal momento che la stessa infezione viene considerata “equivalente alla somministrazione della seconda dose”.

Per chi ha contratto il Covid dopo la prima dose di vaccino, si può procedere comunque al richiamo, nel caso l’infezione sia sopraggiunta al massimo 14 giorni dopo l’inoculazione. In caso contrario, basta una dose sola, dal momento che la stessa infezione viene considerata “equivalente alla somministrazione della seconda dose”.

“In caso di infezione da Covid confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino è indicato il completamento della schedula vaccinale con una seconda dose da effettuare entro sei mesi (180 giorni) dalla documentata infezione (data del primo test molecolare positivo); trascorso questo arco di tempo, la schedula vaccinale potrà essere comunque completata, il prima possibile, con la sola seconda dose”.

Dopo due settimane

Se l’infezione è avvenuta dopo 14 giorni dalla prima dose, invece, “la schedula vaccinale è da intendersi completata in quanto l’infezione stessa è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose. Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da SARS-CoV-2”. Infine, il ministero ricorda che “l’esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, non è indicata ai fini del processo decisionale vaccinale”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si trova attualmente agli arresti domiciliari ed è accusato di aver perseguitato con diverse condotte una donna conosciuta nel corso di una cena
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved