Vaiolo delle scimmie, l’esperto rassicura: “Malattia meno grave di una varicella”

E a chi prevede migliaia e migliaia di casi di vaiolo delle scimmie, l'epidemiologo risponde: "Fantascienza mediatica"
Sla in forma giovanile

“Nell’uomo il vaiolo delle scimmie si risolve da solo in poche settimane ed è, come gravità, anche inferiore a una varicella”. La rassicurazione arriva dall’epidemiologo Donato Greco, per 30 anni a capo del Laboratorio di Epidemiologia dell’Istituto superiore di sanità, poi direttore generale della Prevenzione al ministero della Salute, oggi consulente Oms ed ex componente del Cts nell’emergenza Covid. “Anzi la varicella comporta una estensione delle vescicole su tutto il corpo e dà febbre elevata, mentre il vaiolo delle scimmie è quasi sempre molto localizzato, nei casi di cui parliamo in questi giorni a trasmissione sessuale le pustole sono limitate alla zona dei genitali senza febbre alta”.

“Migliaia di casi di vaiolo? Fantascienza mediatica”

“Migliaia di casi di vaiolo? Fantascienza mediatica”

Greco, tra i massimi esperti di emergenze sanitarie degli ultimi 50 anni – sentito dall’Adnkronos Salute – ricorda di aver partecipato, proprio alla fine degli anni ’80, in Congo a un’indagine sul campo relativa a un’epidemia di vaiolo delle scimmie. “È solo fantascienza mediatica quella di chi prevede migliaia e migliaia di casi di vaiolo delle scimmie” dice Greco, ridimensionando “allarmismi e panico ingiustificato”. E sostiene che in questa circostanza bisogna solo fare “una sorveglianza attiva molto approfondita con immediato isolamento del virus e soprattutto caratterizzazione genomica degli isolati virali”. Perché, osserva, “dopo la pandemia qualsiasi allarme infettivo giustamente va preso sul serio e serve attenzione, visto che prima del Covid molto era stato trascurato, ma che ci sia panico da parte della popolazione e previsioni di un’epidemia con migliaia e migliaia di casi non è scienza ma fantascienza”.

“Trasmissione mai stata epidemica o pandemica”

Greco – che in passato partecipò in Congo a un’indagine sul campo relativa proprio a focolai di vaiolo delle scimmie, oltre a occuparsi dell’ultima fase dei programmi di eradicazione del vaiolo e a quelli post eradicazione – spiega dal punto di vista scientifico le caratteristiche di questi virus. “I Poxvirus sono in tutti gli animali, abbiamo il vaiolo dei polli, delle scimmie, delle mucche, e la trasmissione all’uomo non è esclusa per quasi nessuno di questi, ma la trasmissione del vaiolo delle scimmie, nota dagli anni ’70, di fatto non è mai stata epidemica né tanto meno pandemica”, scandisce.

“Virus molto meno soggetto a fare varianti”

Non solo. “Oggi le prime nozioni sul genoma del virus indicano che è molto stabile, ed è proprio grazie a questa stabilità che il vaiolo è eradicato. Si tratta infatti di un virus a Dna a doppia elica, il che comporta la sua stabilità strutturale, quindi molto meno soggetto a fare varianti, a differenza dei virus respiratori che sono a Rna a unica elica, molto variabili. Questo dunque – spiega – è un motivo di rassicurazione”. (Adnkronos)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si giocherà stasera il primo turno dei playoff. Gara secca e senza ulteriori appelli. Alle Aquile basta un pari per la semifinale
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved