Calabria7

Valli Cupe, Lupia: offesa mia reputazione umana e professionale

valli cupe

Dichiarazione stampa dell’ex direttore della riserva naturale regionale valli cupe dott. Carmine Lupia

“In relazione ad alcuni passaggi della conferenza stampa che l’Amministrazione comunale di Sersale ha tenuto sabato 23 novembre  sulla vicenda delle Valli Cupe, in difesa della mia reputazione umana e professionale nonché della serenità della mia famiglia, ribadisco  che,  nello svolgimento delle funzioni di direttore della Riserva Naturale Regionale delle Valli Cupe, ho sempre agito nel massimo rispetto della legalità e della trasparenza amministrativa. Inoltre, visto che, nel corso della stessa conferenza stampa, la signora Enza Berlingò, socia della cooperativa ‘Segreti Mediterranei’, ha falsamente sostenuto  che il sottoscritto avrebbe ricevuto dalla stessa cooperativa dei ‘… riconoscimenti materiali non certificati e non tracciabili …’, ritenendo i contenuti della suddetta affermazione contrari a  verità e gravemente diffamatori, comunico di aver conferito, oggi stesso, mandato ai miei legali di depositare, già nella giornata di lunedì 25 novembre, apposito atto di esposto-querela presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Catanzaro nei confronti della signora Berlingò.

Rilevo, inoltre, che per le ‘Valli Cupe’ e il loro sviluppo mi sono prodigato con tutte le mie energie al fine di permettere al territorio di Sersale e del comprensorio di raggiungere risultati positivi, sia in termini di ricadute economiche che di immagine, anche con riconoscimenti internazionali. Registro, attualmente, a seguito di comportamenti tipici di noi calabresi, che spesso non riusciamo a volare alto, un immiserimento della questione ‘Valli Cupe’, trasformata, nello stato delle cose, da risorsa per l’intera regione a problema mal gestito e che provoca in me e nei cittadini il sentimento dello squallore e della desolazione. Per tale ragione, quindi, ho deciso di tirarmi fuori completamente da battaglie, polemiche, pettegolezzi e quant’altro e di non rispondere ulteriormente, se non attraverso i miei avvocati per tutte le diffamazioni che ho subito e che dovessi subire, ad eventuali attacchi di basso profilo sulla mia persona e sul mio specchiato operato quale direttore della Riserva. Aggiungo infine, che non permetterò a nessuno di infangare il mio buon nome e quello della mia famiglia e tutelerò nelle sedi giudiziarie opportune le mie ragioni e i miei diritti”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vaccini, in arrivo in Calabria altre 15mila dosi di Moderna e 3mila di Janssen

bruno mirante

Catanzaro uno striscione sul Palazzo di Vetro contro la violenza sulle donne

Maria Teresa Improta

Caos quartiere Lido a Catanzaro, ancora nessun intervento (SERVIZIO TV)

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content