Calabria7

“Valorizzare impegno personale, gestione amministrativa del Pugliese inadeguata”

coronavirus rombiolo

“L’opera svolta, in questa fase di emergenza, da tutti i medici in prima linea nella lotta al Covid-19 deve essere valorizzata al fine di compensare le condizioni di particolare disagio e l’intensità dell’impegno professionale profuso. Infatti, solo la responsabilità e l’abnegazione dei medici dei reparti ospedalieri e dei servizi territoriali sono la vera ragione per cui il Ssr ha risposto con impegno e professionalità a questa inaspettata prova che, tutt’ora, mette a rischio la tenuta dell’organizzazione sanitaria e la tutela della salute dei cittadini”. È quanto scrivono, in un comunicato, Nino Accorinti e Anna Parrotta (Cisl Medici Calabria)

Direzione amministrativa Pugliese-Ciaccio inadeguata

“Malgrado ciò, nell’Azienda “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro l’inadeguatezza gestionale della direzione amministrativa (tra le tante irregolarità si evidenzia la nomina del referente del Dipartimento Onco-ematologico), la scarsa attendibilità ed il comportamento dilazionatorio della delegazione di parte pubblica, di cui fa parte il Direttore amministrativo, sta ostacolando l’attribuzione alla dirigenza medica degli incentivi relativi al 2017/2018/2019. Infatti, l’accordo sul sistema premiale era stato raggiunto e sottoscritto il 3 agosto ma la Direzione amministrativa ha rimandato le relative determinazioni non adottando alcun provvedimento con conseguente grave danno della dirigenza medica. Tant’è che in data 22 ottobre, malgrado fosse previsto un incontro per dare seguito alla discussione sull’attribuzione di parte del fondo contrattuale, che l’Azienda vorrebbe considerare proprie economie di gestione, lo stesso è stato rimandato per l’attuale contingenza pandemica a data da destinarsi al contrario di quello con le OO.SS. del comparto che sono state successivamente convocate”.

“Zuccatelli era stato decisivo”

A tutt’oggi, invece, – continua la nota della Cisl Medici Calabria – nessuna riunione è stata programmata dalla delegazione trattante con le OO.SS. della dirigenza medica, neanche in modalità “on line”. Ed allora sorge spontanea una ipotesi. Le risorse del fondo contrattuale della dirigenza medica sono state “distratte” dalla direzione amministrativa per altri fini? Una cosa è certa. L’intervento del commissario straordinario Zuccatelli, sensibile alla valorizzazione del personale, era stato decisivo e risolutivo nel mese di settembre per l’applicazione di alcuni istituti contrattuali al contrario della delegazione trattante che mette in discussione perfino le norme contrattuali al tempo vigenti. La Cisl Medici ritiene che debba essere garantita serenità e sostegno ai medici ospedalieri che, in questo momento, più che mai, si stanno prodigando per il bene dei cittadini. Stigmatizza il comportamento poco trasparente e dilazionatorio della Direzione amministrativa. La gestione della sanità su cui incombe “l’emergenza Covid-19” necessita soprattutto di amministratori in grado di gestire in maniera chiara ed efficace la riorganizzazione degli ospedali con la giusta valorizzazione e rispetto del personale medico al fine di garantire ai cittadini i livelli essenziali di assistenza e servizi efficienti”.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Agroalimentare, dalla Regione sostegno agli allevatori calabresi

Mirko

Catanzaro, torneo in ricordo di Sergio Ramelli

Mirko

Farmabusiness, Tallini davanti al gip: al via l’interrogatorio (FOTO)

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content