Calabria7

Maxi operazione della Dda su Catanzaro e Crotone, numerosi arresti: coinvolto il notaio Guglielmo

arresti catanzaro crotone

Vasta operazione della Dda di Catanzaro sulla città e su Crotone, eseguita da circa 200 uomini della Dia con l’aiuto di 170 unità tra Carabinieri, Mobile, Finanza ed il supporto di quattro unità cinofili e un elicottero. Le forze dell’ordine stanno eseguendo numerose misure di custodia cautelare nei confronti dei maggiori esponenti delle ‘ndrine tra le più importanti di Crotone, Isola Capo Rizzuto e Cutro, come Bonaventura Aracri, Arena e Grande Aracri, nonchè di imprenditori di spessore ed esponenti della Pubblica amministrazione collusi con i clan.

Operazione “Basso Profilo”

L’operazione “Basso Profilo” prevede numerosi arresti e 81 indagati. Coinvolti, tra gli altri, il notaio del capoluogo calabrese Rocco Guglielmo, l’assessore al Bilancio della Regione Calabria Francesco Talarico e il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa. Quest’ultimo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. L’abitazione romana del parlamentare è stata perquisita stamane dalle forze dell’ordine su disposizione della procura di Catanzaro. Tra gli indagati anche gli imprenditori Glenda Giglio e Umberto Gigliotta.

Oltre alle misure cautelari, la Procura della Repubblica di Catanzaro ha disposto l’esecuzione di numerosi sequestri di beni costituiti da patrimoni aziendali, immobili, autoveicoli, conti correnti bancari e postali. Nel corso delle indagini è stata accertata la movimentazione illecita di denaro per un valore di oltre 300 milioni di euro. I dettagli saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10:30 nella sede della Corte d’Appello di Catanzaro, a cui parteciperanno il procuratore capo Nicola Gratteri e il direttore della Dia, Maurizio Vallone.

LEGGI ANCHE: “Operazione “Basso profilo”, indagato anche Lorenzo Cesa, segretario nazionale Udc”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Allerta meteo, scuole chiuse a Crotone e nel Catanzarese

manfredi

Vaccino anti-Covid, “buonissima notizia” da Moderna: a dicembre l’autorizzazione

Giovanni Bevacqua

La storia dell’inchiesta che ha travolto il sindaco Mimmo Lucano

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content