Ventunenne violentata su un treno, arrestato egiziano: “Gli avevo chiesto solo un’informazione”

Gli uomini della Polizia ferroviaria hanno concentrato le indagini sui frequentatori del convoglio regionale
violentata a milano

La soluzione del caso tutta in pochi frame del filmato catturato dalla videosorveglianza. Un egiziano di 35 anni sarebbe l’autore di una violenza sessuale compiuta su un treno in transito a Milano, a Treviglio. L’episodio risale al 5 aprile scorso e da allora la Polizia ferroviaria ha concentrato le indagini investigative sui frequentatori del treno, riuscendo a restringere il campo e a riconoscere l’uomo ripreso dalle telecamere a bordo del treno.

“Gentile e disponibile”

“Gentile e disponibile”

Anche il racconto della vittima ha contribuito alla soluzione del caso. Le parole della ragazza di 21 anni, lasciano sgomenti. “Gentile e disponibile” lo descrive lei, che si era rivolta al trentacinquenne per delle semplici informazioni. Lui però – scrivono gli inquirenti – in pochi attimi ha cambiato atteggiamento e, “approfittando dell’assenza di altri passeggeri nel frattempo scesi ad altre fermate”, l’avrebbe “costretta ad atti sessuali”, nonostante la sua resistenza.

Il giovane uomo è stato arrestato sulla base di un’ordinanza firmata dal gip su richiesta della Procura e portato a San Vittore. Il principale indiziato avrebbe agito con una “certa premeditazione ed efferatezza”. Refaat R., egiziano incensurato, “ha adescato la vittima in stazione, fingendosi dapprima interessato a fornirle indicazioni sulla destinazione del treno, seguendo poi i suoi movimenti all’interno del vagone e infine invitandola a sedersi di fianco a lui, prima di aggredirla violentemente senza alcuna esitazione”.

La ricostruzione

È quanto sintetizza nell’ordinanza il gip di Milano, Lorenza Pasquinelli, nel ricostruire la violenza sessuale avvenuta sul regionale Varese-Treviglio. Per la giudice che ha accolto la richiesta di misura cautelare della pm Rosaria Stagnaro, il comportamento del 36enne risulta “sostanzialmente allarmante” in quanto potrebbe ripetersi su “nuove e ulteriori vittime”.

Sul treno, poco dopo essersi rincontrati, “ha cambiato atteggiamento, in particolare ho visto cambiare il suo viso, mi sembrava che non mi ascoltasse più, ma che mi guardasse con un’attenzione diversa”. Con queste parole la 21enne ha descritto l’aggressore. L’uomo arrestato è regolare in Italia e impiegato in una pizzeria a Pioltello. È stato arrestato all’alba e portato a San Vittore. “Ho incominciato a piangere. Gli dicevo ‘no’, che dovevo andare via, ma lui continuava, quando però vedeva che ero al limite della sopportazione si fermava”, ha raccontato la giovane parlando degli abusi subiti e a cui è riuscita a sottrarsi quando è “riuscita a dargli un colpo sul mento” e a scappare. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio impiega un cofinanziamento fino al valore massimo complessivo di 550 milioni di euro
Le operazioni hanno consentito di liberare diverse aree pubbliche che risultavano occupate dall'ingombro dei mezzi
La prima deposizione in un processo del nuovo collaboratore di giustizia nipote del boss Pantaleone Mancuso, detto Luni
Effettuati più di 1200 tamponi. Un morto nelle ultime 24 ore
Entrambi, nel dicembre dello scorso anno, si erano resi responsabili di una violenta aggressione, avvenuta nei pressi di un locale
Nell’udienza del 13 giugno è previsto l’intervento delle altre parti civili e della difesa
I parlamentari del Pd, di M5S e di Avs, dopo la conferma del centrodestra sulla deputata di Fratelli d'Italia, sono usciti dall’aula
Alla cerimonia di intitolazione presente anche l'assessore regionale Giovanni Calabrese: "Questa intitolazione è l'emblema del coraggio e dell'impegno"
La Regione dichiara guerra agli smaltimenti illegali. "Tolleranza zero" e ferrei controlli sugli autospurghi e sui pozzi neri
Il messaggio di Elly Schlein, le frecciate al centrodestra ("solo selfie e dissesto") e la stoccata di Irto a Mangialavori: "Mance ai sindaci"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved