Verde pubblico Catanzaro, Serò: “I consiglieri di opposizione si prendono meriti altrui”

"Questa opposizione è brava a far passare un merito che non ha quando vengono messe in atto opere positive"

“Bisogna partire dal dato in cui oggi versa il verde pubblico sul territorio della nostra Catanzaro e riconoscere che ad oggi le strade, le piazze o i parchi versano in condizioni di degrado, a cui si aggiungono anche le avverse condizioni meteo che, grazie all’intermittenza di giornate di pioggia alternate a giornate di sole hanno favorito la crescita del verde e reso difficoltosa l’opera di diserbo. Allo stesso modo è importante sottolineare che negli anni precedenti, quando questa città era amministrate da chi oggi punta il dito, durante gli stessi periodi la città non era messa molto meglio rispetto al degrado, alla sporcizia o all’abbandono di rifiuti”. E’ quanto si legge in una nota di Raffaele Serò, consigliere comunale e presidente della V Commissione consiliare.

“Oggi però mi lascia perplesso e basito l’opera di alcuni consiglieri comunali di opposizione che quotidianamente acquisiscono informazioni rispetto al cronoprogramma del diserbo o della bonifica di aree, al solo fine strumentale di pubblicare sui social o sulla stampa prima denunce (con cui richiedono l’intervento del comune) e poi dichiarazioni con cui si attribuiscono i meriti di quanto fatto da questa amministrazione. Si, perché è bene sottolineare che gli interventi quotidiane messi in atto non sono frutto della denuncia del singolo consigliere o del singolo cittadino, perché il Comune ha ben chiaro i lavori che deve eseguire, ma le risorse umane e finanziarie sono limitate (300,00 mila euro all’anno per l’azienda che si occupa del verde pubblico), costituiscono un terzo delle risorse necessarie per ripulire la città. Inoltre tutti gli interventi sono frutto di un cronoprogramma calendarizzato da diversi mesi e le attività ordinarie sono diventate straordinarie perché soltanto un terzo delle risorse necessarie per pulire la città oggi è disponibile, del resto si tratta di un contratto che abbiamo ereditato”.

“Oggi però mi lascia perplesso e basito l’opera di alcuni consiglieri comunali di opposizione che quotidianamente acquisiscono informazioni rispetto al cronoprogramma del diserbo o della bonifica di aree, al solo fine strumentale di pubblicare sui social o sulla stampa prima denunce (con cui richiedono l’intervento del comune) e poi dichiarazioni con cui si attribuiscono i meriti di quanto fatto da questa amministrazione. Si, perché è bene sottolineare che gli interventi quotidiane messi in atto non sono frutto della denuncia del singolo consigliere o del singolo cittadino, perché il Comune ha ben chiaro i lavori che deve eseguire, ma le risorse umane e finanziarie sono limitate (300,00 mila euro all’anno per l’azienda che si occupa del verde pubblico), costituiscono un terzo delle risorse necessarie per ripulire la città. Inoltre tutti gli interventi sono frutto di un cronoprogramma calendarizzato da diversi mesi e le attività ordinarie sono diventate straordinarie perché soltanto un terzo delle risorse necessarie per pulire la città oggi è disponibile, del resto si tratta di un contratto che abbiamo ereditato”.

“Ed oggi sono sempre gli stessi consiglieri di opposizione che si assumono la paternità del programma di piano straordinario del verde pubblico messo in atto da questa amministrazione per assicurare l’implementazione di uomini e mezzi per porre celermente rimedio all’attuale situazione cittadina e che avrà inizio sin dai prossimi giorni con un importante implemento di unità operative che si occuperanno del diserbo di tutte le aree e della bonifica di diverse zone della città. Tale programma straordinario è frutto di un confronto tra l’esecutivo e la maggioranza di questa amministrazione comunale e non già dei “solleciti quotidiani” dei singoli consiglieri di opposizione, si perché tali consiglieri devono pur sapere che la città la viviamo e la conosciamo cosi come tutti gli altri e per tali ragioni ne conosciamo le singole problematiche e cerchiamo le possibili soluzioni. Questa opposizione è brava a far passare un merito che non ha quando vengono messe in atto opere positive mentre tutto quello che rimane da fare lo si fa passare come demerito di questa amministrazione”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved