Verifiche antimafia sui candidati, tuona la Lega: “Non sostituire incandidabili con moglie e parenti”

"Non si può scaricare sulla magistratura quella responsabilità che ricade sui partiti che devono avere il coraggio di eseguire un taglio netto"

“Le liste pulite sono state chieste dalla Lega ed oggi, – scrive in una nota il commissario regionale della Lega Giacomo Francesco Saccomanno – finalmente, inizierà un nuovo percorso per la politica calabrese. Un tentativo di bloccare, per quanto possibile, un’introduzione nella politica di soggetti vicini alla ‘ndrangheta e, comunque, non adeguati ad amministrare la cosa pubblica. Un modo per cercare di limitare un andazzo degli ultimi anni che era diventato veramente intollerabile: persone quasi sconosciute che all’improvviso sono diventate portatrici di valanghe di consensi. Le inchieste della magistratura sono piene di dichiarazioni di pentiti che descrivono di come il consenso sia stato acquisito grazie agli appoggi di questa o quell’altra famiglia mafiosa. Ma questo non basta. Non si può e non si deve scaricare sulla magistratura quella responsabilità che ricade sui partiti che devono avere il coraggio di eseguire un taglio netto, indipendentemente dalle risultanze dell’antimafia”.

La questione morale

La questione morale

“Vi è un problema morale – afferma Saccomanno – che va oltre le verifiche dell’antimafia. I partiti devono avere il coraggio di allontanare seriamente dalla cosa pubblica il malaffare. Quindi, non è ammissibile che il soggetto incandidabile possa essere sostituito dalla moglie, dal fratello o da un parente che possa diventare una palese simulazione di un passato insostenibile, senza di fatto nulla cambiare. E su questo che oggi la politica deve misurarsi ed interrogarsi. Vi è uno strumento richiesto dalla Lega e portato avanti dai partiti del centrodestra, ma ora è indispensabile che si evitino prese in giro. La verifica deve essere eseguita a 360 gradi ed i partiti saranno responsabili delle proprie scelte. Intanto, il centro destra ha iniziato un percorso fondamentale per ottenere dei risultati impensabili sino a qualche settimana orsono, nel mentre il centrosinistra, molto stranamente, ha evitato qualsiasi confronto ed ha proseguito nella vecchia strada”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved