Vertenza Enel, fallito il tentativo di conciliazione. Cgil e Filctem Calabria: “Pronti alla mobilitazione”

"A rischio occupazione e sicurezza dei lavoratori". I sindacati pronti a sostenere la vertenza che coinvolge oltre mille lavoratori calabresi

Il 9 febbraio le Organizzazioni sindacali FILCTEM CGIL, FLAEI CISL e UILTEC UIL nazionali hanno esperito con esito negativo il tentativo di conciliazione previsto dalla procedura di raffreddamento per il gruppo Enel.
La Filctem CGIL Calabria, unitamente alla Cgil Calabria, si legge in una nota firmata dai rispettivi segretari generali, “sostiene convintamente le iniziative di mobilitazione e di lotta in tutta la regione a sostegno degli oltre mille lavoratori calabresi che svolgono l’attività nel gruppo e per le società di e-distribuzione, EGP, Mercato ed Enel X “.

Il punto di Filctem sulle ragioni della vertenza

Il punto di Filctem sulle ragioni della vertenza

“Questa vertenza – ricorda il segretario generale della Filctem Francesco Gatto – nasce per contrastare con determinazione la decisione di Enel di voler esternalizzare attività primarie di e-distribuzione, attività complesse che devono continuare ad essere svolte dal personale del gruppo titolare della concessione governativa.
La terziarizzazione delle stesse metterebbe a grave rischio la sicurezza dei lavoratori diretti e delle imprese cui verrebbero affidate, diminuendo la qualità del servizio.
A questo – continua Francesco Gatto – si aggiunge la decisione da parte dell’azienda di modificare unilateralmente gli orari dei lavoratori che operano sulla rete di distribuzione introducendo orari sfalsati a danno degli stessi lavoratori a scapito degli organici. Scelta che peserà ulteriormente sui già gravosi carichi di lavoro, in quanto non accompagnata da un adeguato numero di assunzioni operative e tecniche”. 

Cgil: “Decisioni profondamente sbagliate e inaccettabili”

Pieno sostegno alla vertenza anche da parte della Cgil Calabria, attraverso le parole del segretario Gigi Veraldi.  “Le decisioni di Enel sono profondamente sbagliate. In assenza di iniziative concrete verso la riconversione ecologica e di governo della transizione energetica, si rischiano gravi ricadute occupazionali sull’intero territorio e sull’indotto. Come è sbagliata ed inaccettabile, da parte del colosso energetico, la rinuncia alla realizzazione del progetto per la produzione di idrogeno green con fondi PNRR per circa 15 mln di euro, presso l’ex sito produttivo della dismessa centrale Enel che insiste nel comune di Corigliano-Rossano.
Occorre quindi accelerare in direzione delle energie rinnovabili. Questo – insiste il Segretario Veraldi – non può essere gestito senza un adeguato piano di investimenti e di immissioni di personale che al momento non vengono prese in considerazione nonostante le sollecitazioni di parte delle Organizzazioni Sindacali in quanto necessarie alla Calabria per efficientare una rete inadeguata e vetusta che la pone, per  qualità del servizio elettrico, una tra le regioni fanalino di coda d’Italia e che tra l’altro non fa registrare alcun interesse da parte del governo regionale.
Allarmante, il registrare intenzioni assolutamente inspiegabili da parte aziendale di rimettere in discussione lo smartworking per i dipendenti del gruppo, rivisitando l’organizzazione del lavoro in un’ottica anacronistica”.

“Sostegno con iniziative di mobilitazione e lotta”

In conclusione, i segretari Gatto e Veraldi, ribadiscono che appare evidente come Enel abbia intrapreso “un’ingiustificata azione finalizzata alla riduzione dei costi, che provocherà gravi difficoltà nell’organizzazione del lavoro e nell’operatività quotidiana.
Siamo convinti che, per  governare i profondi cambiamenti in corso relativi alla transizione ambientale, industriale e energetica, sia decisivo il  ruolo e l’apporto delle partecipate pubbliche, anche in Calabria che nel frattempo vede il disinteresse della politica regionale. 
In tal senso la Filctem insieme alla Cgil Calabria sosterranno la vertenza con iniziative di mobilizzazione e di lotta volte alla tutela di tutti i lavoratori e dei cittadini che, attraverso il pagamento delle tasse in bolletta, sostengono e contribuiscono alla corretta gestione del sistema elettrico nazionale”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"Ad un anno dalla strage - scrive Rete 26 febbraio - non è stato ancora garantito loro il diritto alla verità e alla giustizia e di potersi ricongiungere con le rispettive famiglie"
L'auto fotografata nella mattinata di sabato in sosta nell’area pedonale antistante palazzo Gagliardi, in pieno centro storico
Le borse saranno assegnate ad allievi dai 12 ai 17 anni tramite una lezione-audizione gratuita che si terrà a Cosenza. Ecco come partecipare
Da Ama Calabria grande attenzione per avvicinare i giovani al teatro, con un matinée dedicato alle scuole a Lamezia Terme
Solo negli ultimi due giorni almeno due segnalazioni nel Capoluogo, ma i casi vanno avanti con sempre maggior frequenza in tutta la regione
Giudizio immediato per Figorilli. Sotto inchiesta anche il padre nei cui confronti la Procura procede separatamente
Qualche problema potrebbero averlo alcuni test diagnostici che non sarebbero in grado di identificare correttamente il virus
Lo ha proclamato il sindacato Conapo. "Il nostro è un grido di allarme verso chi, al Ministero dell’Interno, si dimentica troppo spesso della nostra categoria"
La donna inizialmente non si trovava, ma in realtà si era rifugiata in una zona dell'abitazione non toccata dalle fiamme
La decisione è stata annunciata oggi, ma non è stata indicata una data di fine dell'agitazione
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved