Calabria7

Vertenza Sittel, aperto tavolo di confronto al Ministero del Lavoro

Si è svolto nel tardo pomeriggio odierno l’incontro tra il Ministero del Lavoro, alla presenza del Ministro Catalfo, e le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil a seguito della richiesta di incontro urgente formulata dalle organizzazioni sindacali relativamente alla vertenza Sittel. Presenti anche la Regione Toscana, le strutture delle oo.ss. territoriali e le RSU dei vari siti produttivi dislocati sul territorio nazionale. I lavoratori Sittel – si legge in una nota a firma delle segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil –   ad oggi avanzano ben 3 mensilità di spettanze maturate, e la situazione di incertezza costante crea forti preoccupazioni per il proprio futuro. Lavoratori che operano nella manutenzione e nella impiantistica telefonica ed elettrica, con serietà ed abnegazione nel corso di questo difficile periodo di emergenza sanitaria hanno garantito servizi essenziali al paese, nonostante le difficoltà economiche generate dai continui ritardi nel riconoscimento delle spettanze. Le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil hanno con forza richiesto l’apertura di un tavolo di crisi per individuare e ricercare soluzioni sia per quanto riguarda la parte economica sia, soprattutto, in riferimento al futuro occupazionale, chiedendo al Ministero di farsi garante di un percorso che metta in sicurezza il salario ed il lavoro di 400 operai operanti tra Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Calabria e Sardegna.
Le organizzazioni sindacali, nel ringraziare il Ministro Catalfo per l’interesse dimostrato con la partecipazione diretta e la pronta convocazione, hanno chiesto un intervento del Ministero nei confronti dell’azienda Sittel affinché vengano ripristinate condizioni di dignità per i lavoratori. Le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, fortemente preoccupate per il futuro occupazionale, hanno chiesto inoltre che il Ministero si faccia garante della continuità occupazionale attraverso un autorevole intervento nei confronti delle maggiori committenti (Tim ed Open Fiber).
Il Ministro Catalfo, nel dichiarare il suo pieno impegno ad individuare soluzioni positive della vertenza, ha comunicato che convocherà direttamente i vertici dell’azienda Sittel il prossimo 9 dicembre e successivamente aggiornerà il tavolo di crisi oggi avviato. In attesa di avere risposte, le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil confermano lo sciopero indetto per l’intera giornata di domani 3 dicembre, invitando i lavoratori a partecipare in modo coeso e compatta alla protesta.
Quanto alle “convocazioni” che l’azienda sta facendo ai lavoratori per domani, in concomitanza di una proclamazione di sciopero, invitiamo i lavoratori a disertare gli incontri. Al contempo diffidiamo l’azienda dal proseguire in atteggiamenti antisindacali ed in palese violazione del diritto di sciopero.
L’azienda Sittel andasse a ricercare la liquidità per pagare 3 mesi di spettanze dovute ai lavoratori piuttosto che cimentarsi in ulteriori proclami e promesse di pagamenti puntualmente disattese.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Serie C, la Vibonese porta a casa il derby: 3-0 al Rende

manfredi

Medicinali non omologati fra i bagagli, denunciata donna cinese

manfredi

Gettano marijuana ma i carabinieri li vedono, denunciati

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content