Vertice sulla lotta alla ‘ndrangheta a Reggio, Bombardieri: “Lavoriamo per aggredire i beni dei clan”

A intervenire nel corso di una riunione a Reggio anche il procuratore di Milano, Marcello Viola: "Senza il coordinamento della Procura nazionale non possiamo contrastare fenomeni criminali"
bombardieri

“Lavoriamo intensamente per aggredire patrimoni mafiosi”. Lo ha detto il capo della Procura distrettuale di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha ringraziato “il procuratore nazionale della Dda Giovanni Melillo per la linea di coordinamento che sta imprimendo e il procuratore della Repubblica di Milano, Marcello Viola. Stiamo lavorando intensamente con la Procura della Repubblica di Milano – ha sottolineato Giovanni Bombardieri – come con l’operazione odierna sui rifiuti, proprio perché la dimensione nazionale e sovranazionale della ‘ndrangheta è ben nota, a noi, a loro, a tanti. Un’ inchiesta che ha portato ottimi risultati, e che incide sul profilo economico degli interessi della criminalità, che noi vogliamo aggredire sempre più, anche sotto il profilo della prevenzione. Riteniamo sia fondamentale lavorare insieme con le altre Procure perché accresce la forza investigativa, l’impatto che si può ottenere nel contrasto alla criminalità organizzata”.

“La riunione di oggi potrebbe diventare prassi operativa comune”. Lo ha detto il capo della Procura della Repubblica di Milano, Marcello Viola, partecipando ad un incontro con il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo e il procuratore reggino Giovanni Bombardieri, oggi a Reggio Calabria. “E’ una riunione di carattere operativo – ha proseguito Viola – consapevoli che agiamo su un fronte comune di contrasto alla grande criminalità organizzata, che non è certamente un fenomeno calabrese o siciliano. Milano e il nord dell’Italia si confrontano quotidianamente con le grandi organizzazioni criminali e senza il coordinamento della Procura nazionale non possiamo contrastare fenomeni criminali con un profilo nazionale e internazionale importante. Ne è prova l’operazione odierna sui rifiuti, sviluppata in collaborazione con i colleghi di Monaco e di Reggio Calabria, con interessi di enorme importanza economica, ma soprattutto un terreno che riguarda la tutela dell’ambiente e della salute”.

“La riunione di oggi potrebbe diventare prassi operativa comune”. Lo ha detto il capo della Procura della Repubblica di Milano, Marcello Viola, partecipando ad un incontro con il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo e il procuratore reggino Giovanni Bombardieri, oggi a Reggio Calabria. “E’ una riunione di carattere operativo – ha proseguito Viola – consapevoli che agiamo su un fronte comune di contrasto alla grande criminalità organizzata, che non è certamente un fenomeno calabrese o siciliano. Milano e il nord dell’Italia si confrontano quotidianamente con le grandi organizzazioni criminali e senza il coordinamento della Procura nazionale non possiamo contrastare fenomeni criminali con un profilo nazionale e internazionale importante. Ne è prova l’operazione odierna sui rifiuti, sviluppata in collaborazione con i colleghi di Monaco e di Reggio Calabria, con interessi di enorme importanza economica, ma soprattutto un terreno che riguarda la tutela dell’ambiente e della salute”.

LEGGI ANCHE | Vertice sulla lotta alla ‘ndrangheta a Reggio, Melillo: “Stop alle polemiche, rafforzare la legislazione antimafia”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved