Calabria7

“Via i cellulari dalle classi nelle ore di lezione”, la proposta del ministro dell’Istruzione

cellulari in classe

“Via i cellulari dalle classi nelle ore di lezione”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione e del merito Giuseppe Valditara intervistato da Monica Setta durante il programma “Il Confronto” spiegando che la decisione va nella direzione di “garantire a studenti e un docenti un tempo di studio in classe senza distrazioni”. Valditara ha ribadito nel programma la sua ipotesi di togliere il reddito di cittadinanza ai giovani percettori che non hanno nemmeno l’obbligo scolastico. “O colmano il gap” ha detto il ministro “o perdono il reddito”.

In Italia ci sono 364.101 percettori di reddito di cittadinanza nella fascia tra i 18 e i 29 anni. Di essi 11.290 possiede solo la licenza elementare o nessun titolo, e altri 128.710 soltanto il titolo di licenza media. “Noi riteniamo – ha aggiunto il ministro – si debba prevedere l’obbligo di completare il percorso scolastico per chi lo abbia illegalmente interrotto o un percorso di formazione professionale nel caso di persone con titolo di studio superiore ma non occupate né impegnate in aggiornamenti formativi, pena in entrambi i casi la perdita del reddito, o dell’eventuale misura assistenziale che dal 2024 lo sostituirà”.

Lavori socialmente utili

Valditara è tornato anche sulla sua proposta di prevedere lavori socialmente utili per quegli studenti che si rendono protagonisti di gravi casi di bullismo o violenza. “Bisogna tornare al merito ed in questa chiave la Grande alleanza che propongo anche ad imprese e sindacati sarà un metodo essenziale per superare pure il gap competitivo di cui soffre l’istruzione tecnico professionale italiana rispetto ad altri paesi internazionali”. D’accordo con il ministro si è detto Giovanni Brugnoli, vicepresidente di Confindustria con la delega al capitale umano, altro ospite della trasmissione. Tra i prossimi terreni di impegno di Valditara la semplificazione e l’edilizia scolastica. (Fonte foto: Today)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Novara, protesta choc dei no green pass: sfilano come deportati nei lager

Alessandro De Padova

La qualità dell’aria in Calabria è buona, il report dell’Arpacal

Mirko

Nuovi casi Covid in aumento, scatta la prima ordinanza anti-contagi

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content