Vibo Marina e i lavori infiniti del sottopassaggio. La rabbia dei residenti di via Stazione: “Vergogna”

L’intera area residenziale affonda nel degrado per la presenza ingombrante del cantiere e di animali di ogni genere

Via Stazione. Ci troviamo a poche centinaia di metri dal salotto buono di Vibo Marina per raccontare l’ennesima storia di ordinario degrado. I residenti sono incazzati neri. Non ce la fanno più a convivere con lo stato di abbandono ultradecennale in cui si trova una delle zone più trafficate, soprattutto in estate, per la presenza della storica stazione ferroviaria. A far sprofondare il quartiere non solo i rifiuti e le erbacce ma anche l’eterno cantiere del costruendo sottopassaggio il cui progetto e i lavori sono stati avviati oltre dodici anni fa.

Di recente, dopo uno dei tanti fermi registrati a partire dal 2015, i lavori erano stati riavviati per la gioia dei residenti i quali cominciavano a pregustare la fine di un “inferno” urbanistico che va avanti dal lontano 2012. In quell’occasione la sindaca uscente Maria Limardo aveva rassicurato i cittadini che gli interventi di completamento sarebbero stati ultimati nel giro di pochi mesi. Così non è stato come ci fa notare una signora che ci urla dal balcone: “Questi lavori – ha sbottato – non finiranno mai. Passerà anche questo inverno e noi saremo costretti a convivere con questo degrado. Speriamo che il futuro sindaco possa scrivere la parola fine a questa pagina vergognosa di cattiva amministrazione”.

Di recente, dopo uno dei tanti fermi registrati a partire dal 2015, i lavori erano stati riavviati per la gioia dei residenti i quali cominciavano a pregustare la fine di un “inferno” urbanistico che va avanti dal lontano 2012. In quell’occasione la sindaca uscente Maria Limardo aveva rassicurato i cittadini che gli interventi di completamento sarebbero stati ultimati nel giro di pochi mesi. Così non è stato come ci fa notare una signora che ci urla dal balcone: “Questi lavori – ha sbottato – non finiranno mai. Passerà anche questo inverno e noi saremo costretti a convivere con questo degrado. Speriamo che il futuro sindaco possa scrivere la parola fine a questa pagina vergognosa di cattiva amministrazione”.

Il malumore dei cittadini

Altri residenti mi gridano dalle finestre di “svergognare” la classe dirigente che fino adesso è alla guida di palazzo “Luigi Razza”. Fino adesso il costruendo sottopassaggio è costato all’erario pubblico oltre due milioni e mezzo di euro. I risultati, almeno per il momento, di questo sperpero di denaro pubblico è sotto gli occhi di tutti. In questi giorni di caldo cresce il malumore tra i residenti i quali si cominciano ad attrezzare, non solo per sopportare i disagi derivanti dalla presenza dell’eterno cantiere, ma anche per l’indecoroso degrado in cui è tenuta l’intera area residenziale. “Può scendere – hanno commentato alcune signore – la nostra sindaca per vedere in quali condizioni si trova l’intera via Stazione? Ogni giorno dobbiamo combattere con la sporcizia e animali di ogni genere. I topi tra le erbacce e i canneti rigogliosissimi fanno la pacchia. Con l’estate alle porte i disagi aumenteranno. Si faccia qualcosa altrimenti non si presentino alla nostra porta per chiederci il voto. L’unico che ci può aiutare è San Pio che è stato lasciato tra le erbacce e i rifiuti”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved