Vibo, si appropria dei fondi della cooperativa Nautilus: arrestato commissario liquidatore (NOME)

La Procura dispone un decreto di sequestro preventivo per oltre 800mila euro nei confronti di due indagati e di una società

La Sezione di Polizia giudiziaria – aliquota Guardia di finanza – della Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale degli arresti domiciliari per il reato di peculato, nei confronti di un indagato. Si tratta di Mauro Damiani, 70 anni, nato a Foligno, provincia di Perugia ma domiciliato a Catanzaro. Disposto anche un decreto di sequestro preventivo di beni per un ammontare pari a 864.396,00 euro, finalizzato alla confisca per equivalente, nei confronti di due soggetti e di una società operante nel settore dell’elaborazione di dati, emessi dal Gip del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della Procura della Repubblica.

Arrestato il commissario liquidatore della “Nautilus”

Le indagini hanno permesso di appurare come uno degli indagati, nominato dal ministero dello Sviluppo Economico quale commissario liquidatore della società cooperativa vibonese “Nautilus”, posta in liquidazione coatta amministrativa, si sia appropriato, nel tempo, di ingenti somme di denaro della procedura concorsuale – pari all’importo sequestrato – attraverso assegni e bonifici, privi di giustificazione, sia in favore proprio che a beneficio di un’altra persona, nonché di una società riconducibile al proprio nucleo familiare.

Le ipotesi accusatorie

In particolare, dagli accertamenti svolti è emerso che il commissario liquidatore avesse aperto due conti correnti intestati alla società in liquidazione coatta amministrativa, uno solo dei quali veniva reso noto al ministero dello Sviluppo Economico, e tramite gli stessi effettuasse importanti movimentazioni di denaro, senza fornire alcuna rendicontazione né documentazione giustificativa, procurando così un indebito vantaggio economico a sé e a soggetti a lui vicini, causando al contempo un danno patrimoniale di rilevante gravità alla società in liquidazione e ai creditori della stessa. Al professionista viene, inoltre, contestato il reato di cui all’art. 223 del R. D. 267/1942, per aver aggravato il dissesto della società esponendo fatti non rispondenti al vero.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
In questa struttura convergono diverse Unità operative: dalla chirurgia alla oncologia, dalla alla radioterapia alla radiologia
Molte le persone che hanno approfittato del caldo per riversarsi in spiaggia e fare il bagno in un mare dalla temperatura gradevole
I tecnici comunali e le squadre dell'impresa sono a lavoro per approntare le più opportune soluzioni
Sono indagati per favoreggiamento aggravato dell'immigrazione clandestina. I quattro sono finiti in carcere
Un successo in termini di partecipazione. La soddisfazione degli organizzatori
Continua ad arricchirsi il programma estivo di “Fatti di Musica 2024”, il Festival-Premio del Live d’Autore giunto alla 38° edizione
La donna avrebbe inflitto ai piccoli punizioni incompatibili con i doveri di cura e vigilanza a lei demandati
L'uomo avrebbe intestato ad un prestanome le quote di una società che, nel 2021 e 2022, si era prevalentemente dedicata a ristrutturazioni usufruendo anche del "bonus 110% e bonus facciate
La donna è stata affidata alle cure dei sanitari i quali hanno chiesto una consulenza psichiatrica e successivamente affidata a una parente in qualità di amministratore di sostegno
La presunta vittima aveva intrapreso un percorso di conversione al cristianesimo, frequentando una parrocchia e partecipando ad alcune celebrazioni religiose
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved