Calabria7

Vicinanza educativa e profonda speranza al Reggio Film Fest

Nei giorni scorsi, nell’ambito del Reggio Film Fest, tenutosi presso l’Arena dello Stretto di Reggio Calabria, è stato posto al centro dell’attenzione il valore della giustizia, strumento salvifico e di riscatto, soprattutto nel mondo dei minori. Il festival ha dedicato un importante spazio al film “Liberi di scegliere”, ispirato al progetto di cui l’iniziatore è Roberto di Bella, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Catania. Oltre ad essere diventato un film e un libro, il progetto rappresenta tutta la dedizione e l’impegno degli operatori che si impegnano a garantire delle opportunità di sostegno e formazione. Tra i premiati è stata presente Isabella Mastropasqua, Direttore del Centro per la Giustizia Minorile per la Calabria, la quale ha sottolineato l’importanza di un’accurata e sensibile vicinanza educativa al fine di porre rimedio agli errori commessi e iniziare a costruire un futuro migliore.

Opportunità di vicinanza educativa

“Esistono bambini a zig zag -afferma Mastropasqua- bisogna lavorare negli angoli delle loro storie di vita, essere presenti e garantire, prima di tutto, opportunità di vicinanza educativa affinché le loro storie possano diventare lineari e libere”. Un forte grido di speranza per coloro che, per una serie di circostanze, entrano nel circuito penale, commettono degli errori a cui, tuttavia, si può rimediare. A dimostrazione di ciò, proprio ieri sul canale nazionale Padre Pio Tv, è stato trasmesso uno speciale realizzato a Sarno, in provincia di Salerno, che ha visto un’intera comunità e il consiglio comunale riaccogliere nella propria cittadina un ragazzo autore di un reato importante, che grazie al percorso “Liberi di scegliere”, estinto il reato, ha fatto pace con se stesso e tutta la comunità.

Fiducia nelle istituzioni

In particolare, sono stati premiati due fratelli per aver raggiunto un traguardo apparentemente banale ma
che diviene grandioso, quasi impossibile quando sembra non esserci più speranza, la licenza media. Un premio per il loro futuro di speranza, per credere sempre di potercela fare, con le proprie forze e grande coraggio ma al contempo affiancati dalle istituzioni, le quali si prodigano per accoglierli e assisterli. “Siete stati bravi a non mollarci, avete fatto un bel gioco di squadra” afferma un ragazzo che ha ritrovato la fiducia nelle istituzioni, attraverso il Pon Legalità Liberi di scegliere, e soprattutto in un futuro migliore. (m. g.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sicurezza a Catanzaro Sud: “Necessario un presidio rafforzato e permanente”

Damiana Riverso

Fede al tempo del Coronavirus: la Santa Messa in diretta (VIDEO)

manfredi

Elezioni, affluenza definitiva ad Isola, Brancaleone, Gioiosa M. e Cassano

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content